Pinuccio Sciola’s Noble Stone – by Gianni Conti

0
Pinuccio Sciola
Pinuccio Sciola "playing" one of his works
Gianni Conti - Director of “Governo delle idee” - Former Assessor to Culture of the City Council of Florence
Gianni Conti – Director of “Governo delle idee” – Former Assessor to Culture of the City Council of Florence

It is a great honor, for the entire Cultural Association of Sardi in Tuscany, to host, here in Florence, welcoming him to the magnificent cloister of the Basilica of Santa Croce, one of the most important contemporary artists in the world. Pinuccio Sciola, from Sardinia, continues his artistic journey after the great successes of his Padova exhibit, here, at Santa Croce, the enormous Florentine basilica, begun by the Franciscan monks in 1295 and completed during the following century, bringing us to recall the genius of Arnolfo di Cambio, in his use of stone as the natural building material in the city of Florence. Santa Croce abounds in significance; it is a mixture of sacred and lay culture, and is the focal point for many different aspects of the multi-faceted life of the city. Outside, the piazza which bears the same name, fosters a love/hate relationship among its residents, the clergy, and the lovers of the city, since it becomes a stage for artists, scholars and various people who admire true art, and which, for centuries have been paying homage to Santa Croce.
Pinuccio Sciola is considered an excellent artist with an original and highly creative genius. Our common origins, our island roots are responsible for the authenticity of his creative soul, his art which encompasses the evolution of the “mehnirs” the long stones which are typical prehistoric monuments, commonly found in the mediterranean regions that were influenced by the megalithic culture, (Sardinia, Corsica, North Africa, etc.). But those monuments, large stones embedded in the soil, are almost surely funerary monuments, the exact opposite of Pinuccio Sciola’s bright and musical ones. Apart from his undeniable Mediterranean legacy, this artist from Sardinia boldly experiments with suggestive lines and plays with light and shadows, merging them into the very nature of the raw material he uses: stone. The sculpture of stone requires strength and courage, but it’s a process which provokes a reflection, artistically speaking, on the progress of humanity, a journey through creation and an exciting re-interpretation of the history of Man. So, Pinuccio Sciola represents and interprets the “evolution” of raw material and its transformation into a form of art. Even during prehistoric times, Man used rocky materials, without being able to cut or sculpt them, pushing together enormous boulders, or, putting them one on top of another, to form monuments like the majestic “Nuraghi” which can be seen in Sardinia. From that far-away time, until today, stone has been the primary and essential material for the growth of civilization. Today, thanks to instruments made possible by new technology, new products and new materials are available, and the techniques and methods of creating contemporary art involve the use of an incredible number of materials and man-made substances. Pinucccio Sciola, through his work, becomes the reflection of the memory of humankind. His memory, his art, seem to transcend time, to the point of expunging the secrets of prehistoric basalts, far from artificial temptations. This leads to an impressively exalted architectural vision, which the artist achieves through a proceeding in which he directly cuts and sculpts the stone. These stone sculptures recall the neo-cubist figures by Fritz Wotruba, which however do not provoke the same emotions as those by Sciolla, which have a greater variety of composition, light and acoustics. Furthermore, the many geometric shapes, concave and convex, which emerge from Sciolla’s hands, draw one’s attention to his original interpretation of nature.

One of Pinuccio Sciola's "stones"
One of Pinuccio Sciola’s “stones”

Stone, therefore, is the material preferred by Sciolla to express his symbolism of the essence of creation. This vision made it possible for this artist from Sardinia, to “revolutionize” his confrontation with the “king” of all materials: stone. It is exactly this which makes Sciolla different from other sculptors, both of the past, and present-day ones. This difference is not fictitious, but real and visible. The difference lies in the creativity and originality of his Art.Starting from one of the basic forms of raw material, stone, he moves beyond the classical styles of the past, manifesting his potential for expression, through a fertile creativity, with modern shapes.
The strong influence of his background and his undisputable roots from Sardinia give life to an innate aesthetic sense and a vibrant personality. The Cultural Association of Sardi in Florence, whose contribution helped make this event possible, believes that it honors not only Pinuccio Sciolla and his art, but also the whole of Sardinia. I would like to express, also on behalf of my fellow members of the Association, Elio Turis, Fiorella Maisto, Mariangela Tanda, Pasqualina Musina and Daniele Gabbrielli, our heartfelt thanks to the Opera di Santa Croce for having made this exhibit possible, and for welcoming with such warmth the art of Pinuccio Sciolla. I would also like to thank our friends from Sardinia in the city of Padova, as well as the President of FASI, Serafina Mascia. And finally, our gratitude goes to Francesco Gurrieri, Guido Clemente, Renzo Manetti, Anna Balzani and Stefania Fuscagni for their kind and precious collaboration.

 

Gianni Conti
Director of “Governo delle idee”
Former Assessor to Culture of the City Council of FlorenceAnna Balzani

 



Italian version
:

È un grande onore per tutta l’Associazione Culturale dei Sardi in Toscana ospitare a Firenze, ed accogliere nello splendido chiostro della Basilica di Santa Croce, uno dei maggiori artisti contemporanei di livello internazionale.

Pinuccio Sciola, sardo, prosegue il percorso artistico, dopo l’ottimo successo nella città di Padova, in Santa Croce, grandissima Basilica fiorentina, iniziata dai Francescani nel 1295 e terminata nel corso del Trecento, che richiama alla memoria l’ingegno di Arnolfo di Cambio nell’utilizzo della pietra come materiale naturale per Firenze.
Santa Croce è piena di significati: è mescolanza di sacralità e di cultura civile, è punto di riferimento per una pluralità di funzioni nella scena variegata della vita cittadina.
La piazza omonima, gioia e dolori di residenti, religiosi ed innamorati di Firenze, funge da autentico palcoscenico per artisti, autori, studiosi e semplici ammiratori dell’arte vera che, da secoli, rendono omaggio a Santa Croce.
Pinuccio Sciola è un nome eccellente e come scultore è geniale, originale e creativo. Dalle nostre origini e radici isolane viene fuori l’anima creativa più autentica del Maestro: un’arte che evolve e veicola il “Menhir” (la pietra lunga), tipo di monumento preistorico assai diffuso nelle regioni mediterranee che rientrano nella sfera delle culture megalitiche (Sardegna, Corsica, Africa del Nord, ecc. ). Ma questi monumenti, costituiti da grosse pietre di varia forma, confitte nel suolo, quasi sicuramente di uso funerario, sono l’esatto contrario dei monumenti sonori e luminosi di Pinuccio Sciola.
Al di là della innegabile “eredità” mediterranea, l‘artista sardo si spinge al limite dell’arditezza temeraria, con scorci suggestivi, giochi di luci e di ombre che si innestano nella naturalezza della materia prima: la pietra. E scolpire la pietra è operazione faticosa e coraggiosa. Però è un’operazione che offre – artisticamente – una riflessione sul percorso fatto dall’uomo; un viaggio intorno al creato, una rilettura emozionante della storia dell’umanità. Dunque Pinuccio Sciola, rappresenta ed interpreta “l’evoluzione” della materia prima e della sua trasformazione in chiave artistica.
Infatti, fin dai tempi della preistoria, l’uomo ha usato materiale roccioso, senza alcuna possibilità di lavorarlo, accostando massi enormi, o sovrapponendoli l’uno all’altro per formare quei monumenti sul tipo dei Nuraghi, numerosi e maestosi in Sardegna.
Da quella lontana epoca ad oggi, la pietra ha costituito il materiale essenziale e primario per la crescita della civiltà. Oggi, con gli strumenti delle nuove tecnologie, che hanno realizzato prodotti e nuovi materiali, si sono ampliati i modi e le tecniche per creare la cosiddetta arte contemporanea, usando un’enorme varietà di materiali e derivati di laboratorio.
Pinuccio Sciola è lo specchio della memoria del genere umano grazie alla pietra. La sua memoria, la sua arte, sembra perpetuarsi nel tempo, fino a manifestarsi nei segreti dei basalti preistorici senza le tentazioni artificiali. Da qui deriva la grandiosità, l’esaltazione di una visione architettonica, che l’artista raggiunge con un procedimento di diretto intaglio nella pietra.
Le opere in pietra ci riportano alla mente le figure del neo-cubismo di Fritz Wotruba, che però non creano l’emozione che provocano quelle di Pinuccio; soprattutto per la varietà delle composizioni, delle luci e della sonorità. Inoltre, dalle mani di Sciola emergono forme convesse e concave, una moltitudine di geometrie che attirano lo sguardo per una raffigurazione originale della natura.
Dunque, è la pietra il materiale preferito dall’artista per manifestare la sua valenza simbolica dell’essenza del creato. Questa “visione” è servita all’artista sardo per “rivoluzionare” il confronto con sua “maestà” la pietra. Questo rende Pinuccio Sciola uno scultore diverso, diverso da quelli del passato, ma diverso anche dai contemporanei. Questa distinzione non è artificiosa, ma semplicemente visibile e realistica. La diversità è nell’originalità e nella creatività dell’opera. Partire da un’espressione primordiale della materia, superando gli stili di un passato, significa manifestare potenzialità espressive attraverso una feconda creatività con forme moderne.
Pinuccio Sciola ha una forte connotazione terragna ed una sardità indiscutibile che
La nobile pietra di
Pinuccio Sciola
evoca carattere e senso estetico innato.
L’Associazione Culturale dei Sardi in Firenze, nel contribuire a realizzare questo grande evento, ritiene questa occasione un omaggio che onora Pinuccio Sciola, ma onora anche la Sardegna.
Desidero rivolgere a nome dei Colleghi dell’Associazione, Elio Turis, Fiorella Maisto, Mariangela Tanda, Pasqualina Musina e Daniele Gabbrielli, un cordiale ringraziamento per aver reso possibile la realizzazione della mostra all’Opera di Santa Croce, che con squisita ospitalità ha favorito l’espressione dell’arte di Pinuccio Sciola.
Inoltre, un ringraziamento con gratitudine ai corregionali della città di Padova nonché al Presidente della FASI, Serafina Mascia.
Infine, un caloroso ringraziamento a Francesco Gurrieri, Guido Clemente, Renzo Manetti, Anna Balzani e Stefania Fuscagni per la gentile e preziosa collaborazione.

 

Gianni Conti
Direttore del “Governo delle idee”
Ex Assessore alla Cultura del Consiglio Comunale di Firenze

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.