Cristina Acidini A Lady in the art world who left her mark on Florence

0
Photo by Aurelio Amendola Photographer
Photo by Aurelio Amendola Photographer

by Silvia Nanni – journalist

Photo by  Aurelio Amendola  Photographer
Photo by Aurelio Amendola Photographer

On the 5th of November, Cristina Acidini has left her position as Superintendent of the State Museums of Florence, asking for an early retirement. The news along with the investigations that she was involved in, shook the city that was deeply tied to this leader who, since 2006, has been the helm of the State Museums. She had a long and prestigious career in the service of art and culture, being responsible for museums such as the Uffizi, The Academia Gallery, the Bargello, The Medici Chapels and Palazzo Pitti, which left its mark on Florence.

Your request for an early retirement has been interpreted by some as a form of protest against the Franceshini reform. Can you shed some light on this matter?

My decision had to do with the reform too, but it wasn’t a critical choice, but a careful assessment of the consequences. The reform foresees four different forms of management for the museums that were part of the Polo. In this new context there wasn’t a position for me to be included. It wasn’t an early exit from the scene: I had only one year of service left, so I have only anticipated twelve months.

The Museums that were under your superintendence will be dismembered. What are the consequences?

The independent museums, such as Uffizi, Academia and Bargello will enjoy a greater individual visibility. The Regional Center will bring together other state museums of Tuscany. All this will allow the stipulation of other agreements with municipal museums, monasteries or diocesan and standardize access, graphics and publications. Sure there are also critical aspects to it and unresolved issues. At this moment it’s not really clear who will pay for what. Also the position of the archeological museums that could be included in the Regional Center is still uncertain. Unknown is also the funding issue. The Polo was a family. Using a metaphor, one could say that those who brought home a salary were in charge of the maintenance of the elderly with a small pension and children. Therefor we must not underestimate the problem of staff: there aren’t young people involved and numbers are insufficient. What will happen with the third parties? For example, in the past, Japan turned to Polo for an exhibition or for a loan…from now on they will have to refer to 4/5 executives.

Art historians or managers? In your opinion who should manage our assets?

There is need for both. Budgets, union relations and legal disputes are of the competence of managers, but to ensure the performance and the function of the museums, which is to promote, exhibit and preserve the works, there is need of art historians.

The world of arts, culture and politics: what kind of relationship is between them and according to you, when should the latter take a step back?

In the last couple of years, politics has taken many steps to enter the world of cultural heritage. It is a field that has its own rules, where everyone claims to be an expert. We historians are often portrayed in a negative way and we cling to positions of protection and conservation. It has been said and written, that without us the works of art will be “finally” useful. Public opinion had often been manipulated. We wanted to discredit the category that called us closed and provincial, and for us to remain silent in the face of such unfounded accusations was not easy.

Which was the greatest satisfaction you’ve had during your long, rich professional life?

There are many of them. Every new light reflected on a work or place, was for me one more star that shone: the Uffizi Tribune restored into the Hall of Perugino in the Michelangelo high school, where I studied. I am particularly proud of the 14 Medici villas that, in 2013 have been included on the list of the UNESCO World Heritage Site and of the halls of the Uffizi which increased from 45 to 100.

Do you have any regrets or desires that you have failed to achieve?

There is a long list of improvements that I had in mind that includes the former Casino Mediceo of San Marco, and the now former Appeal Court, that despite the transfer of the Palace of Justice in Novoli, is still not functioning and is prevented from being visited for cultural purposes.

Expo 2015 will be a great opportunity to show the world our treasures. Are we ready?

This is an important event for our country and I am sure that Milan will be ready for it. There are, however, two exhibitions dedicated to the Tuscan Giotto and Leonardo on which we will fully cooperate, without impoverishing Florence that, in those months, will be a destination that has a lot to offer. “Florence 2015. A year in art” offers 7/8 exhibitions and more than that there will be exhibition initiatives organized on the Expo theme “Feed the Planet”, concerning the food chain, the agriculture landscape and the noble or popular meals. Virtual itineraries will take place regarding citrus fruits and edible species in the Gran Ducal Tuscany and sacred meals in the Florentine circles. Then the fruit with “The fruits of the Earth. Nature posing. Arturo Tosi and others” (Gallery of Modern Art in Palazzo Pitti) and “Inside the ancient Italian kitchens”: an exhibition of artistic subjects and objects of use that have a link with the kitchen and its environment from the fifteen to the seventeen century that will be shown at Medici Villa and the Museum of Still Life in Poggio a Caiano.

What do you think of the polemics created around the Riace bronzes that some, on the occasion of Expo 2015, wanted to bring to Milan in order to enjoy greater visibility than in Reggio Calabria?

Everyone is right and wrong in the same time. There are places, less visited that would need relaunching. In my opinion, the great masterpieces should be relevant to their place of origin. However, the bronzes are travelers, shipwrecked and we do not know for sure where they came from: wherever they might be, they are in transit. They definitely belong to the sea and to Ancient Greece. If a site doesn’t work, there can be thought of moving them, but if the journey is a stress and can lead to degradation or it can aggravate the fragility of the work, then it is necessary to give up. There are works that can travel and works that cannot. Finally we have arrived to the decision that the bronzes should remain in Calabria and we have also decided, although for other reasons, that Botticelli’s Venus should not go to the Royal Palace of Venaria. Visitors expect to see her in the Uffizi, in its natural place, and I am convinced that the tourists of Expo 2015 will be happy to come to Florence for that reason too.

We are the country with the largest artistic heritage, but often we read about how we do not know how to handle it and keep it ……

Bad information. Our heritage is very well kept. Giving its vastness it is an immense challenge. Our conservation work is also recognized by our foreign colleagues. Sure, there is more that can be done. Pompeii is not collapsing as it is repeated. Parts of the interventions for consolidating it and restoration have fallen, because let’s not forget that Pompeii was bombarded during World War II and is still standing. We need more funding and more private investments to collaborate on this work of preservation, although private investors usually prefer to choose the great monument or a spectacular performance. We however need daily care.

Artistic sites as locations of major events: you were a pioneer on this matter, and before leaving you have updated rules and tariff plans. This is one of many legacies you leave for Florence. Do you think that they will be accredited to you? 

This activity began in 1993. Since then the demand has risen and there was need for a new tariff plan in order to ensure a greater clarity and transparence. Some have saluted with enthusiasm the initiative while others have attacked it. Experience has thought me that we are never free from criticism.     

You are involved in two investigations: one held by the Court of Auditors and one of the Prosecutor of Florence. What is your state of mind and how much solidarity did you receive in this delicate moment of your life?

There has been a wave of comforting solidarity that has allowed me to be confident and to deal with this moment of my life from both the professional and personal point of view. I’ve made choices in my fields of responsibility and I’ve done them in the interest of business and the state. I look forward, with confidence, for things to be made clear in the appropriate offices.

Can you tell us about your last day as superintendent and how have you been saluted by your colleagues?

On November 4th, in the Sala Bianca from Palazzo Pitti, I have presented “Florence 2015. A year in art” and also the exhibitions prepared for Expo. There was a huge crowd present: journalists, colleagues, curators and friends. On the 5th, my last day of work, I was in Rome for a convention on the ability of cities to cope with hydrogeological disasters, held at the Accademia of Lincei,. The Bacin Authority states that Arno is in the same condition as it was in the ’66 and I have exposed prospects for prevention and mitigation of damage in case of flooding. I had also the experience of the hailstorm of 19 September that caused damage to the National Library and to the Boboli Gardens. It was an amazing event and I considered the resulted polemics to be deceiving. It is very well liked to dispense blame for the damage made on an old and frail heritage caused by meteorologically unforeseeable events. The centuries-old cedar of Lebanon from San Marco was destroyed by the fury of the wind, which was blowing at 90 mph, and by hail. It could have fallen on the cells of the convent frescoed by Fra Angelico, but prevention worked: cables held and avoided the worst. Finally, on November 10th I was invited to the Uffizi. In the Hall of Niobe there were violins playing and my colleagues, hidden behind the statues, have come out in a sort of big hug. Also present was Antonio Paolucci.

Many of your colleagues are women. Sometimes it isn’t easy for a woman to work in such a feminine environment.

Clutches are physiological, but I want to dispel the myth which says that there is no solidarity among women, especially in my case, since I have gone to college with many of my colleagues.

Will art still be present in your future?

Art will always be a part of my life and I am fortunate that here, in Florence, I can find it anywhere. I will be able to go further with my studies and enjoy this richness of an “equipped” visitor, without the worries of work, which can sometimes make you see beauty as a problem. I could go back and approach art with the gaze of the university student that used to find in those works inspiration and knowledge, and that I will be doing forever.

Italiano

Il 5 novembre Cristina Acidini ha lasciato il suo incarico di soprintendente del Polo Museale Fiorentino, chiedendo il pensionamento anticipato. La notizia, insieme a quella delle inchieste che la vedono coinvolta, ha scosso la città che è profondamente legata alla dirigente che, dal 2006, è stata al timone del Polo. Una lunga e prestigiosa carriera, con responsabilità su musei come gli Uffizi, la Galleria dell’Accademia, il Bargello, il Museo delle Cappelle Medicee e Palazzo Pitti, a servizio dell’arte e della cultura, che a Firenze ha lasciato il segno.

La sua richiesta di prepensionamento è stata interpretata, da alcuni, come una manifestazione di dissenso nei confronti della riforma Franceschini. Possiamo fare chiarezza in merito?

La mia decisione ha avuto a che fare con la riforma, ma non è stata una scelta critica, bensì un’attenta valutazione delle conseguenze. La riforma prevede quattro diverse forme di gestione dei musei che facevano parte del Polo. In questo nuovo contesto non c’era una posizione che mi potesse coinvolgere. Non si è trattato di una precoce uscita di scena: mi restava un solo anno di servizio, quindi ho solo anticipato il pensionamento di 12 mesi.

Il Polo Museale, di cui lei è stata soprintendente, sarà smembrato. Quali saranno le conseguenze?

I musei autonomi, Uffizi, Accademia e Bargello, godranno di maggiore visibilità individuale. Il Polo Regionale riunirà gli altri musei che facevano parte del Polo e i musei statali della Toscana. Tutto questo permetterà di stipulare accordi con musei comunali, monastici o diocesani e di uniformare accessi, grafica e pubblicazioni. Certo, ci sono delle criticità e delle situazioni non risolte. Non è al momento chiaro chi si farà carico di cosa. È ancora incerta la posizione dei musei archeologici che potrebbero confluire nel Polo Regionale. Rimane anche l’incognita del finanziamento. Il Polo era una famiglia. Usando una metafora si potrebbe dire che chi portava a casa lo stipendio si occupava del mantenimento degli anziani con una piccola pensione e dei bambini. Non dobbiamo, poi, sottovalutare il problema del personale: non ci sono giovani e i numeri sono insufficienti. Cosa accadrà con gli interlocutori terzi? In passato, faccio un esempio, il Giappone si rivolgeva al Polo per una mostra o per un prestito…da ora in poi dovrà relazionarsi con 4/5 dirigenti.

Storici dell’arte o super manager? A suo avviso chi dovrebbe gestire il nostro patrimonio?

Occorrono entrambi. Bilanci, rapporti sindacali e contenziosi legali sono competenza specifica dei manager, ma per garantire l’espletamento della funzione dei musei, che è quella di valorizzare, esporre e salvaguardare le opere, è significativo e decisivo il ruolo dello storico dell’arte.

Mondo dell’arte e della cultura e politica: che tipo di rapporto è e quando, secondo lei, quest’ultima dovrebbe fare un passo indietro?

Negli ultimi anni la politica ha fatto molti passi per entrare nel mondo dei beni culturali. È un ambito che ha le proprie regole, ma un po’ tutti hanno la pretesa di intendersene. Noi storici dell’arte siamo stati spesso dipinti in maniera negativa e arroccati su posizioni di tutela conservatrice. È stato detto, e scritto, che senza di noi “finalmente” le opere d’arte sarebbero state fruibili. L’opinione pubblica è stata spesso manipolata. Si è voluto screditare la categoria definendoci chiusi e provinciali e tacere di fronte a simili infondate accuse non è stato facile.

Nella sua lunga e ricca vita professionale quale è stata la soddisfazione più grande?

Ce ne sono moltissime. Ogni nuova luce su un’opera o su un luogo è stata, per me, una stella in più che brillava: dalla Tribuna degli Uffizi restaurata alla Sala del Perugino nel liceo Michelangelo, dove ho studiato. Sono particolarmente orgogliosa delle 14 ville medicee che, nel 2013, sono state inserite nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO e delle sale degli Uffizi passate da 45 a 100.

Ha un rimpianto o un desiderio che non è riuscita a realizzare?

Una lunga lista di migliorie che avevo in mente e l’ex Casino Mediceo di San Marco, e ora ex Corte di Appello che, nonostante il trasferimento dell’attività nel Palazzo di Giustizia a Novoli, è ancora senza funzione e ne è impedita la visita per scopi culturali.

Expo 2015 sarà una grande occasione per mostrare al mondo i nostri tesori. Siamo pronti?

È un evento importante per il nostro paese e sono convinta che Milano sarà pronta. Vi sono, peraltro, due mostre dedicata ai toscani Giotto e Leonardo alle quali daremo piena collaborazione, senza però impoverire Firenze che, in quei mesi, sarà una meta capace di offrire moltissimo. “Un anno ad arte 2015” propone 7/8 mostre e in più saranno organizzate iniziative espositive dedicate al tema dell’Expo “Nutrire il pianeta”, riguardanti la filiera alimentare, il paesaggio agrario e la mensa signorile o popolare. Itinerari virtuali riguarderanno gli agrumi e le specie commestibili nella Toscana Granducale e le mense sacre nei cenacoli fiorentini. E poi la frutta con “I frutti della terra. Natura in posa. Arturo Tosi ed altri” (Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti), e “Nelle antiche cucine italiane”: la mostra dedicata ai soggetti artistici ed agli oggetti d’uso che abbiano un legame con la cucina ed il suo ambiente dal XV al XVII secolo nella Villa Medicea e Museo della Natura Morta di Poggio a Caiano.

Cosa pensa della polemica nata attorno ai bronzi di Riace che alcuni, proprio in occasione di Expo 2015, avrebbero voluto portare a Milano per godere di maggiore visibilità rispetto a Reggio Calabria?

Tutti hanno ragione e tutti hanno torto. Ci sono luoghi poco frequentati che necessiterebbero di un rilancio. I grandi capolavori, a mio avviso, dovrebbero essere pertinenti al loro luogo di origine. I bronzi, però, sono viaggiatori, sono naufraghi e non sappiamo con certezza la loro provenienza: in qualsiasi luogo sono in transito. Appartengono sicuramente al mare e alla Magna Grecia. Se un sito non funziona si può anche pensare di spostarli, ma se il viaggio è uno stress e può comportare fenomeni di degrado o acuire la fragilità dell’opera è necessario rinunciare. Ci sono opere che possono viaggiare e opere che non possono farlo. Finalmente siamo arrivati ad un parere conclusivo e i bronzi restano in Calabria, così come, seppur per altre motivazioni, non andrà alla Reggia di Venaria la Venere di Botticelli. I visitatori si aspettano di vederla agli Uffizi, nella sua collocazione naturale, e sono convinta che il turista di Expo 2015 sarà ben lieto di venire a Firenze anche per questo.

Siamo il paese con il più grande patrimonio artistico, ma spesso leggiamo che non sappiamo gestirlo e conservarlo……

Cattiva informazione. Il nostro patrimonio tiene benissimo. Vista la sua vastità è una sfida immensa. Il nostro lavoro di conservazione ci è riconosciuto anche dai colleghi stranieri. Certo, si può fare di più. Pompei non sta crollando, come ci viene ripetuto. Sono cadute parti degli interventi di consolidamento e di restauro, perché non dimentichiamo che Pompei è stata bombardata nel corso della seconda guerra mondiale, ma è ancora in piedi. Servono più finanziamenti e più privati che collaborino in questa opera di salvaguardia, anche se il privato sceglie spesso il grande monumento o l’intervento spettacolare. Noi, invece, abbiamo bisogno di cure quotidiane.

Luoghi di interesse artistico come location di grandi eventi: lei è stata una pioniera in questo senso e prima di andarsene ha aggiornato regole e tariffario. Questa è una delle tante eredità che lascia a Firenze. Pensa che le sarà riconosciuto?

Si tratta di un’attività iniziata nel corso dal 1993. Da allora la domanda è cresciuta e un nuovo tariffario era necessario per garantire maggiore trasparenza e chiarezza. Alcuni lo hanno salutato con entusiasmo, mentre altri lo hanno attaccato. Per esperienza so che non siamo mai esenti da critiche.

Lei è coinvolta in due inchieste: una della Corte dei Conti e una della Procura di Firenze. Qual è il suo stato d’animo e quanta solidarietà ha ricevuto in questo momento delicato della sua vita?

C’è stata un’ondata di solidarietà confortante che mi permette di affrontare con serenità questo momento sia dal punto professionale che umano. Ho fatto scelte in campi di mia responsabilità e le ho fatte nell’interesse delle attività e dello Stato. Attendo, con fiducia, che si faccia chiarezza nelle sedi opportune.

Ci può raccontare il suo ultimo giorno da soprintendente e come è stata salutata dai colleghi?

Il 4 novembre nella Sala Bianca di Palazzo Pitti ho presentato “Un anno ad Arte 2015” e le mostre per Expo. C’è stato un grande bagno di folla: giornalisti, colleghi, curatori e amici. Il 5, ultimo giorno di servizio, ero a Roma per un convegno all’Accademia dei Lincei sulla capacità delle città d’arte di far fronte alle catastrofi idrogeologiche. L’Autorità di Bacino afferma che l’Arno è nelle stesse condizioni del ‘66 ed ho esposto prospettive di prevenzione e di mitigazione dei danni in caso di alluvione. Avevo, inoltre, l’esperienza diretta della tempesta del 19 settembre che ha provocato danni alla Biblioteca Nazionale e al Giardino di Boboli. Si è trattato di un evento eccezionale e considero pretestuose le polemiche che ne sono scaturite. Piace dispensare colpe per i danni ad un patrimonio anziano e fragile schiaffeggiato da eventi meteorologicamente non prevedibili. Il secolare cedro del libano di San Marco è stato distrutto dalla furia del vento, che soffiava a 90 Km orari, e dalla grandine. Sarebbe potuto cadere sulle celle del convento affrescate dal Beato Angelico, ma la prevenzione ha funzionato: i cavi hanno tenuto ed evitato il peggio. Infine, il 10 novembre sono stata invitata a sorpresa agli Uffizi. Nella Sala di Niobe suonavano i violini e i colleghi, nascosti dietro le statue, sono usciti in una sorta di grande abbraccio. Era presente anche Antonio Paolucci.

Molti dei suoi colleghi sono donne. Talvolta per una donna non è facile lavorare in un ambiente molto al femminile.

Le frizioni sono fisiologiche, ma voglio sfatare il mito che non esiste solidarietà fra donne, soprattutto nel mio caso, visto che ho fatto l’università con molte delle mie colleghe.

Ci sarà ancora l’arte nel suo futuro?

L’arte ci sarà sempre nella mia vita e ho la fortuna che a Firenze si trova ovunque. Potrò approfondire i miei studi e godermi questa grande ricchezza da visitatore “attrezzato”, senza più l’assillo del lavoro che talvolta ti fa vedere la bellezza come un problema. Potrò tornare ad accostarmi all’arte con lo sguardo della studentessa universitaria che trovava in quelle opere ispirazione e conoscenza e questo lo farò per sempre.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.