And the Oscar goes to… The curtain falls over the 87th Annual Academy

0

By Claudia Porrello – PR Specialist

On February 22 the Oscar marathon ended, an event that kept most fans glued to the TV all night, waiting for the winners to be announced. This is an increasingly social event that has touched important issues this year, such as feminism, illness, immigration and the situation of the black American people. “I recently read an article that said that winning an Oscar extends your lifespan with five years. Well, if that were true, I would like to thank the Academy because my husband is now younger than me.“ And with these filled with emotion words, the splendid Julianne More, proclaimed best actress for the movie Still Alice, started her acceptance speech.  Assuming the role of the affected by Alzheimer’s Linguistics Professor she has finally received her first Oscar win: an announced milestone that could no longer be postponed, crowning a blazing career. She received a well-deserved standing ovation from the audience. On the male side, the 33 year-old Eddie Redmayne was awarded the statuette, virtue to his brilliant acting skills in the biopic The Theory of Everything, that  brought to the screen the true story of the British astrophysicist suffering from ALS, Stephen Hawking. As expected, the statuette for best supporting actor could only go to JK Simmons for his incredible performance in Whiplash, where he plays the inflexible conductor of the Jazz Conservatory in New York. The statuette for Best Supporting Actress was conquered by Patricia Arquette, for her mother role in Boyhood, the revelation of the year, directed by Richard Linklater, whose shooting for the movie covered a time span of 12 years. Triumphing as best film, best director, original screenplay and photography, was the evocative and psychological Birdman of the Mexican director Alejandro Gonzales Inarritu. In this choral work, Michael Keaton is a declining Hollywood actor, who tries his luck in theater as an attempt to redeem himself: a lonely and individual path that brings him face to face with the demons that haunt him. But the moral winner of the Oscars 2015 was without any doubt The Grand Budapest Hotel, signed by the visionary director Wes Anderson: a brilliant comedy but most of all very different from what one usually sees at the cinema: a tale that makes you dream, involving the audience in the concierge affairs of a luxury hotel in a fictional country from Eastern Europe. This colorful fresco set in the ‘30s has been awarded for scenography, soundtrack (sublime), makeup and costumes that were designed by our local 4-time Oscar winner Milena Canonero. To Selma, the biopic directed by Ava DuVernay that brought to light a little piece of history tied to the mission of Martin Luther King, was awarded the statuette for best song, the powerful Glory. The Oscar for adapted screenplay touched Graham Moore for The Imitation Game which brought to light the heroic deeds of the genius Londoner mathematician Alan Turing. Finally, the best foreign film is called Ida: a black and white film, directed by Polish director Pawel Pawlikowsky that investigates the psychology of women.

Italiano

Si è conclusa il 22 febbraio la maratona agli Oscar che ha tenuto i più appassionati incollati al televisore per tutta la notte, in attesa della proclamazione dei vincitori. Un evento sempre più social, che quest’anno ha toccato tematiche di rilievo come il femminismo, la malattia, l’immigrazione e la situazione dei neri d’America. “Ho da poco letto un articolo in cui si diceva che vincere un Oscar allunga la vita di cinque anni. Beh, se fosse vero, vorrei ringraziare l’Academy perché mio marito è più giovane di me!”. È con queste parole dense di commozione che la splendente Julianne Moore, proclamata miglior attrice protagonista per il film Still Alice, ha esordito nel suo discorso di ringraziamento. Vestire i panni della Professoressa di Linguistica colpita da Alzheimer, le ha portato finalmente la prima vittoria agli Oscar: un traguardo annunciato e non più rinviabile, a coronamento di una carriera sfolgorante. Per lei una meritatissima standing ovation da parte del pubblico in sala. Sul versante maschile è stato invece premiato il 33enne Eddie Redmayne, in forza della sua brillante prova attoriale nel biopic La Teoria del Tutto, che ha portato sullo schermo la storia vera dell’astrofisico britannico affetto da SLA, Stephen Hawking. Come da previsioni, la statuetta per il migliore attore non protagonista non poteva che andare che a J.K. Simmons per la sua incredibile performance in Whiplash, nella quale interpreta l’inflessibile direttore dell’orchestra jazz di un conservatorio di New York. La statuetta come migliore attrice non protagonista l’ha conquistata invece Patricia Arquette per il suo ruolo di madre in Boyhood, l’esperimento rivelazione dell’anno diretto da Richard Linklater, le cui riprese hanno coperto un arco temporale di 12 anni. A trionfare come miglior film, miglior regia, sceneggiatura originale e fotografia è stato il suggestivo e psicologico Birdman del messicano Alejandro Gonzáles Iñarritu. In quest’opera corale Michael Keaton è un attore di Hollywood sulla via del tramonto che si cimenta con il teatro nel tentativo di riscattarsi: un percorso solitario e individuale che lo porta faccia a faccia con i demoni che lo tormentano. Ma il vincitore morale della serata degli Oscar 2015 è stato senz’altro Grand Budapest Hotel, a firma del regista visionario Wes Anderson: una commedia brillante ma soprattutto diversa da ciò che si vede abitualmente al cinema: una favola che fa sognare, che coinvolge lo spettatore nelle vicende del concierge di un lussuoso albergo in un paese immaginario dell’Est europeo. Questo pittoresco affresco ambientato negli anni ’30 è stato premiato per la scenografia, la colonna sonora (sublime), trucco e costumi, disegnati dalla nostrana 4 volte premio Oscar Milena Canonero. A Selma, il film biografico diretto da Ava DuVernay che ha riportato alla luce un pezzo di storia legato alla missione di Martin Luther King, è stata assegnata la statuetta per la miglior canzone, la potente Glory. L’Oscar alla sceneggiatura non originale è toccato a Graham Moore per The Imitation Game, che ha riportato alla luce le gesta del genio matematico londinese Alan Turing. S’intitola Ida, infine, il miglior film straniero: una pellicola in bianco e nero che indaga sulla psicologia femminile, diretta dal regista polacco Pawel Pawlikowsky.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.