Lend a helping hand! American Students and Italian Senior citizens helping one another

0

By Costanza Menchi – Florida State University in Florence Faculty
www.florence.international.fsu.edu

One might think that American Study abroad students and a group of Italian senior citizens have little in common, but instead, a group of Florida State University students and seniors from Centro Diurno Il Colibrì, managed by the commune of Florence, exchange more than words can express. In Florence, FSU students studying Italian language, grammar, and culture need to be stimulated and motivated in order to improve their language skills. Apart from studying Italian in class students need a real environment to practice the language.

Seniors spend their time engaged in a number of activities organized by the senior citizen center staff, specialized in working with retirees, who keep them interested in various subjects such as art, culture, social issues, and aware of local and world news.

Although the generational differences (in terms of age, routine, lifestyle, and interests) between the seniors and FSU students may seem rather large you would be surprised to learn that in reality they have much in common (thoughts and ideas, emotions, and life experience).The educational program Lend a helping hand! (Diamoci una mano!) was started to bridge the divide between these generations. Organized meetings help both groups. On the one hand they stimulate students’ linguistic skills and on the other help to rejuvenate and revitalize the senior citizen’s cognitive abilities. Each semester begins with the arrival of new FSU students who can be a bit unsure of joining Lend a helping hand! as they often worry that they may not be able to express themselves as they would like in Italian. Each meeting takes place at the senior citizen center, where students are accompanied by their teacher during class time. All participants are stimulated from both a linguistic and a cultural point of view, taking part in multisensory activities that aim to reinforce their self-esteem and help to make them more sensitive human beings. The seniors look forward to each meeting with enthusiasm and FSU students can’t wait to share their experiences with their new amici. The students bring so much happiness to the senior citizen center telling retirees about their adventures in Europe, sharing pictures of their families in the United States, and just talking about their everyday life in Florence. The large meeting room fills with laughter, smile, song, and the unexpected joy that remains impressed long after the abroad experience has ended. The last meeting at the senior citizen center is a festa where students organize a Talent Show that they dedicate to their new friends. Other times the students organize a photography exhibit with highlights of their experience, a moment to say thank you and arrivederci. This program is also a way for FSU students to give back to the Florentine community that welcomes, each year, thousands of students to Florence with a new life adventure.

Italiano

Si potrebbe pensare che alcuni studenti americani e un gruppo di anziani italiani abbiano ben poco in comune, in realtà, gli studenti della Florida State University e gli anziani del Centro Diurno Il Colibrì, gestito dal Comune di Firenze, condividono molto di più di quanto sia possibile esprimere a parole. Gli studenti del programma FSU a Firenze che studiano la lingua, la grammatica e la cultura italiana hanno bisogno di essere stimolati e motivati per poter migliorare le proprie competenze linguistiche. Oltre alle lezioni in aula hanno la necessità di trovarsi in un contesto autentico in cui poter praticare la lingua. Gli anziani passano il loro tempo impegnati in numerose attività organizzate dagli operatori specializzati del Centro che stimolano l’interesse degli anziani, organizzando percorsi sul mondo dell’arte e della cultura, mantenendo vivo l’interesse per temi di tipo sociale, notizie locali ed internazionali. Sebbene le differenze generazionali, in termini di età, abitudini, stili di vita e interessi, tra gli anziani e gli studenti di FSU sembrino enormi, è sorprendente notare che in realtà i due mondi hanno molto in comune: pensieri e idee, emozioni ed esperienze di vita. Il percorso educativo Diamoci una mano! ha avuto inizio, e si è sviluppato negli anni, con l’intento di costruire un ponte tra le due generazioni, attraverso incontri mediati di cui beneficiano entrambi i gruppi. Da un lato gli incontri stimolano le abilità linguistiche degli studenti e dall’altro servono a ringiovanire, rivitalizzare e stimolare le capacità cognitive degli anziani. Ogni semestre ha inizio con l’arrivo dei nuovi studenti FSU, che dapprima sono un po’ incerti nel partecipare a Diamoci una mano! poiché spesso sono intimoriti dal fatto di non poter riuscire ad esprimersi come vorrebbero in una nuova lingua. Ogni incontro si svolge presso il Centro Diurno Il Colibrì, dove gli studenti sono accompagnati dalla docente durante l’orario di lezione. Negli incontri tutti i partecipanti sono stimolati sia da un punto di vista linguistico che culturale, sono coinvolti in attività multisensoriali che rafforzano l’autostima e aiutano a sviluppare la sensibilità verso l’altro. Al termine di ogni incontro gli anziani attendono con entusiasmo i successivi appuntamenti e gli studenti di FSU non vedono l’ora di condividere le loro esperienze con i nuovi amici. Gli studenti portano gioia ed allegria nel Centro, raccontando le loro avventure in Europa, condividendo le immagini delle famiglie negli Stati Uniti e parlando delle scoperte durante la vita quotidiana a Firenze. La sala dove avvengono gli incontri si riempie di sorrisi, canzoni e momenti di felicità condivisa, emozioni che rimangono impresse nei partecipanti ben oltre il termine dell’esperienza. L’ultimo incontro al Centro è sempre una festa in cui gli studenti organizzano uno Spettacolo dei Talenti dedicato ai nuovi amici. In altre occasioni gli studenti organizzano una mostra fotografica dedicata all’esperienza, un momento per ringraziare e dire arrivederci. Questo programma educativo rappresenta un importante percorso per gli studenti di FSU che permette di lasciare un concreto segno di gratitudine nella comunità cittadina, che ogni anno accoglie a Firenze migliaia di studenti pronti per iniziare un’indimenticabile avventura di vita.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.