A few words with Elisa Tozzi Piccini A woman with a great personality at the reigns of the prestigious Florentine Maison of fine Jewelry

0

 by Anna Balzani – Editor-in-chief
Twitter: @AnnaBalzani

When you imagine the CEO of a great company, with more than a hundred years of history and international success, you may be expecting something different, but then you meet Elisa and she surprises with each word she says.

Elisa Tozzi Piccini
Elisa Tozzi Piccini

Comfortable in her jeans and T-shirt, taking a ride on the Harley Davidson, she looks perfect when she wears in a impeccable way the stunning jewelry from the family collection; she does everything in a very natural way, because this is how Elisa is: fascinating, curious, kind, passionate about her work and her family, thorough in any project she undertakes and that she personally supervises. Elisa has sparkling eyes. Her family is important, but she speaks with the simplicity of a person who works on a daily basis to honor her heritage with a vivid gaze, looking forward to the future: “Our family is big, we used to reunite by gathering around big lunches and dinners, grandparents, uncles; in our house art is breathed, it’s in our DNA and this kind of work has also outlined our family history. I was raised like this, in the middle of art and jewelry, but for me it represented normality”. Even if it is a normal family, Elisa’s family has something special. In 1936, Armando Piccini, Elisa’s uncle, famous goldsmith and engraver, pupil of Master Libero Andreotti, won the top prize at the Venice Biennale with the fourteen precious gems engraved by hand, which the family donated to the city of Florence in 1993 and now they are kept in the Museo degli Argenti inside Palazzo Pitti. Twice, in 1952 in New York and 1958 in Buenos Aires, they won the first prize at the International Diamond Award.

Collezione Tetti di Firenze: “Orecchini in oro giallo 18K malachite e diamanti”
Collezione Tetti di Firenze: “Orecchini in
oro giallo 18K malachite e diamanti”

As a testimony for their close relationship with Art and the city of Florence, in 2003, to celebrate 100 years from the opening of the historic shop on Ponte Vecchio, in 1903 at the hands of Pirro Piccini, Fratelli Piccini financed the restoration of the precious panel painting “La Carita” by Piero del Pollaiolo, dating back to 1469, preserved by the Uffizi Gallery in Florence, the only one of the seven Virtù to be wearing a jewel. In 2010, the exhibition of timepieces collection held at the Museum of Palazzo Vecchio and finally, in 2015, the participation as “Benefactor” at the restoration of the Loggia of the Pazzi Chapel in Santa Croce.

You are the CEO of Fratelli Piccini and you’re also an expert gemologist. What was the path that led you here?

I had the chance to have a complete artist for an uncle, not only a goldsmith engraver but also a collector of paintings and sculptures, one of the founders of the Compagnia del Paiolo, passionate painter, who loved to go and paint in Baratti, at the seaside. A man capable of being naturally fascinating in everything he did. I think that my “artistic path” has started with him without even being aware of it. Ever since I was a child I have always had a great passion for painting and luckily I was naturally gifted with a great manual dexterity. From “playing” to deciding to study at the most renowned school of gemology in the world was only a short step. Thus, at eighteen years old, I finished high school and left to the United States of America where I have been awarded the diploma of Graduate Gemologist at GIA (Gemological Institute of America) in Los Angeles. We had weekly exams aimed towards the analysis and identification of gems; not only diamonds, but also colored stones that are the more difficult to analyze and for which the microscope tests did not allow margins of error. A difficult challenge with only one accepted result, 100 in 100: pleochroism, refractive index, specific gravity, inclusions, those were the keys to determine if a gem was natural or synthetic, if it was a ruby or just a simple corundum, an emerald or a reproduction. Looking back now, I realize that my experience in the United States has been the conclusion of a predestined path. The “games” I used to play with my uncle have allowed me to know the art of gold, the tools, the ancient and modern techniques, and in time together with my cumulated experience, the GIA has allowed me to learn about matter, about gems in their essence. Even today, when I can allow myself to stay a bit longer in our laboratory under the Vasari Corridor, I find myself in a dimension very dear to me, that reminds me of times when my uncle taught me about dry point cuts or how to use the hand engraving tools…. I consider myself an artist trapped in the role of the CEO.    

Collezione Lulù: Anello in oro giallo 18 Kt lapislazzulo e diamanti
Collezione Lulù: Anello in oro giallo 18 Kt lapislazzulo e diamanti

What memories do you have from that period?

It was one of the happiest times in my life. I remember the wonderful beaches in Venice, Beverly Hills, the California you see in the movies, a world completely different than what I knew and also, because I was away from home and everybody else, I was finally in control of my own life. I learnt a lot, thanks to the experience of sharing every day the same passion and interests with people from all around the world. I have created important connections in that period that still last today after thirty years. A lasting memory from those times is living the experience of feeling an earthquake, something common in Los Angeles. For me it was the first time I was experiencing it and the shock was so strong that it bounced me out of bed. I remember that my housemate and I rushed terrified in our pajamas in the middle of the street. We were alone…obviously for everyone else this was a shock like any other. We called 911 to ask for directions on what to do and as soon as the operator understood we were not hurt, ordered us to go to bed!!! 

What distinguishes the jewelry of Fratelli Piccini?

Fratelli Piccini is a company with a great “traditional” background for its way of work, its clients and also for the type of gems we use. Our craftsmen work with us for decades, some of them were students of uncle Armando, who has opened an outside laboratory from our own where he taught and transmitted his art to eighteen goldsmith apprentices, and some of them are their sons.

Even the companies that we represent have similar characteristics to our own: a strong family connotation, a long tradition behind them and their gaze into the future. This is why when I talk about my company I like to define it as “112 years young” and not “old”. Thus, what distinguishes our jewelry for 112 years is its uniqueness: creative and manufacturing. Jewelry with a strong identity. Whoever comes to us, knows exactly what they want, they do not need a brand. They will wear the jewel with their own personality and style, because it is the one who wears it to give value to the jewel, not the other way around. Our clients are fantastic, people who live life manifesting their own way of being.

I will mention only one: a splendid sixty years old woman, who during the weekends is not playing the role of a successful business woman, dresses in leather from head to toe, gets on her “Panhead” and away… on the road.

This way of living represents “Younique” the philosophy that is behind each of our creations.

Collezione Urbe: “Collana in oro giallo 18 Kt e corniole incise a mano”
Collezione Urbe: “Collana
in oro giallo 18 Kt e corniole incise a mano”

Where do you get your inspiration from?

I am a curious person, I find inspiration into unexpected things or circumstances, from travels…; the idea, the form that you were looking for, comes at a certain moment and takes shape. I love colored gems, emeralds, rubies, sapphires… I am fascinated by the diversity of their nuances depending on the place they come from and the latitude from which they are seen. I love colors in general, not only those of precious gems, but also those of semiprecious stones. Maybe it’s because I have always had a passion for the American Indians and for their jewelry. I have often visited Indian reservations and was amazed by their pride and the pride in their eyes, even if that gaze who could see far into the distance was very much in contrast with the fact that they were enclosed in a reserve. But, sometime, contrasts are necessary and productive. Especially when it comes to creativity. I avoid condescension, I do not consider it positive. 

Fratelli Piccini has an international reputation. What is your relationship with foreign customers?

Historically we have a strong relationship with the United States but we also have clients that come from all around the world and for a few years we also have a lot of Russian and Chinese customers, but the ones we mostly work with are Americans. I would say it is a sort of elective affinity. A testimony to our historic relationship with the United States is having third generation customers. Our jewelry has marked and still marks the most important moments in their families’ lives. It is a personal relationship based on trust. Often it becomes like an extended family, true friendship relationship are being created that go beyond the Client-Customer relationship.  

A thought for the future of Fratelli Piccini.

At the moment Fratelli Piccini is formed by three women: my mother Laura, my sister Cristina and myself. I’d like to think that the fifth generation to run Fratelli Piccini will be formed by our three sons, three men again, like it has been for uncle Armando, uncle Tebaldo and my grandfather, Renzo Piccini.   

FratelliPiccini_logoFratelli Piccini SpA
Ponte Vecchio 21/23 R
50125 Firenze
Phone 055 294768 – 055 2396296
Fax 055 280479
email: fp@fratellipiccini.com
www.fratellipiccini.com

Italiano

 Quando immagini l’amministratore delegato di una grande azienda con più di 100 anni di storia e di successo internazionale, pensi forse a qualcosa di diverso da Lei, poi incontri Elisa e ti sorprende ad ogni parola. A suo agio in jeans e maglietta per un giro in Harley Davidson e perfetta quando indossa in modo impeccabile i gioielli mozzafiato della collezione di famiglia, fa tutto con estrema naturalezza, perché Elisa è così: affascinante, curiosa, gentile, appassionata del suo lavoro e della sua famiglia, meticolosa in ogni progetto che intraprende e che cura personalmente.

Elisa Tozzi Piccini con la sua famiglia
Elisa Tozzi Piccini con la sua famiglia

Elisa ha occhi che brillano. La sua è una famiglia importante, ma lei la racconta con la semplicità di chi lavora quotidianamente per rendere onore alla sua storia con lo sguardo vivace e proteso al futuro: “La nostra è una grande famiglia, ci riunivamo intorno a grandi tavolate, i nonni, gli zii; a casa nostra l’arte si è sempre respirata, è nel nostro DNA e il lavoro ha delineato anche la nostra storia familiare. Io sono cresciuta così, in mezzo all’arte e ai gioielli, per me era tutto normale”. Sarà anche una famiglia normale quella di Elisa, ma ha molto di speciale. Nel 1936 Armando Piccini, zio di Elisa e famoso orafo incisore allievo prediletto del Maestro Libero Andreotti, ha vinto il primo premio alla Biennale di Venezia con le quattordici preziose gemme incise a mano che nel 1993 la famiglia ha donato alla città di Firenze e che ora sono custodite nel Museo degli Argenti a Palazzo Pitti. Per ben due volte, nel 1952 a New York e nel 1958 a Buenos Aires, hanno vinto il primo premio all’International Diamond Award. A testimonianza del sempre stretto rapporto con l’Arte e con la città di Firenze, nel 2003, per celebrare i 100 anni dall’apertura dello storico atelier su Ponte Vecchio ad opera di Pirro Piccini nel 1903, Fratelli Piccini ha finanziato il restauro del prezioso dipinto su tavola “La Carità” di Piero del Pollaiolo, risalente al 1469 e conservato nella Galleria degli Uffizi a Firenze, l’unica delle sette Virtù che indossa un gioiello. Nel 2010, la mostra di segnatempo da collezione realizzata al Museo di Palazzo Vecchio ed infine, nel 2015, la partecipazione in qualità di “Patron” al restauro della Loggia della Cappella de’ Pazzi in Santa Croce.

Sei l’amministratore delegato di Fratelli Piccini e sei anche un’esperta gemmologa. Qual è stato il tuo percorso?

Ho avuto la fortuna di avere uno zio artista a tutto tondo, non solo orafo incisore ma anche collezionista di quadri e sculture, uno dei fondatori della Compagnia del Paiolo, pittore appassionato che amava andare a dipingere a Baratti, sul mare. Un uomo capace di essere naturalmente affascinante in tutto quello che faceva. Penso che il mio “percorso artistico” sia iniziato con lui, senza che me ne accorgessi. Fin da quando ero bambina ho sempre avuto una grande passione per la pittura e fortunatamente ero naturalmente dotata di una grande manualità. Dal “giocare” al decidere di frequentare la più rinomata scuola di gemmologia al mondo, il passo è stato breve. Così, a diciotto anni, finito il Liceo, sono partita per gli USA dove ho conseguito il diploma di Graduate Gemologist al GIA (Gemological Institute of America) di Los Angeles. Facevamo esami settimanali volti all’analisi e all’identificazione delle pietre; non solo diamanti, ma anche pietre di colore che sono le più difficili da analizzare e per le quali il test al microscopio non ammetteva margini di errore. Una prova difficile con un unico risultato ammesso, 100 su 100: pleocroismo, indice di rifrazione, peso specifico, inclusioni, erano le chiavi per determinare se una pietra era naturale o sintetica, se era un rubino oppure un semplice corindone, uno smeraldo oppure una doppietta. Guardandomi indietro adesso mi rendo conto che l’esperienza negli States è stata la conclusione di un percorso predestinato. I “giochi” con lo zio mi hanno permesso di conoscere l’arte orafa, gli strumenti, le tecniche antiche e moderne affinate poi nel tempo con l’esperienza, il GIA mi ha permesso di conoscere la materia, cioè le pietre, nella sua essenza. Ancora oggi, quando riesco a trattenermi un po’ più a lungo nel nostro laboratorio sotto al Corridoio Vasariano mi ritrovo in una dimensione a me cara che mi ricorda di quando lo zio mi insegnava le incisioni a punta secca oppure ad usare le ciappole… mi ritengo un’artista intrappolata nel ruolo di amministratore delegato. 

Collezione Urbe: “Cameo topazi e brillanti”
Collezione Urbe: “Cameo topazi e brillanti”

Che ricordi hai di quel periodo?

Uno dei periodi più felici della mia vita. Ricordo le spiagge meravigliose a Venice, Beverly Hills, la California che vedi nei film, un mondo completamente diverso da quello che conoscevo e poi soprattutto lontano da casa e da tutti ero finalmente padrona della mia vita. Ho imparato tanto anche grazie all’esperienza di condividere quotidianamente con persone provenienti da tutto il mondo la stessa passione e gli stessi interessi. In quel periodo ho costruito legami importanti che durano ancora oggi a distanza di trent’anni. Un ricordo indelebile di quel periodo è anche l’esperienza del terremoto che a Los Angeles è di casa. Per me era la prima volta e la scossa fu così forte da svegliarmi perché rimbalzavo sul letto. Ricordo che io e la mia compagna di casa ci precipitammo terrorizzate in mezzo di strada in pigiama. Eravamo sole.. evidentemente per tutti gli altri era una scossa come tante. Chiamammo il 911 chiedendo istruzioni sul da farsi e l’operatore, una volta accertatosi che non eravamo né ferite né in pericolo, ci ordinò di andare a letto! 

Cosa contraddistingue il gioiello Fratelli Piccini?

Fratelli Piccini è un’azienda di grande “tradizione” per modalità, per clientela ed anche per tipologia di gioiello. I nostri artigiani sono insieme a noi da decenni, alcuni di essi sono stati addirittura allievi dello zio Armando che aveva aperto un laboratorio esterno al nostro atelier dove insegnava e tramandava la sua arte a diciotto apprendisti orafi, altri ancora sono i loro figli. Anche le aziende che rappresentiamo hanno caratteristiche simili alle nostre: una forte connotazione familiare, una lunga tradizione alle spalle e lo sguardo rivolto al futuro. Per questo quando parlo della mia azienda amo definirla “112 years young” e non “old”. E da 112 anni ciò che contraddistingue i nostri gioielli è l’unicità: creativa e manifatturiera. Gioielli con una forte identità. Chi viene da noi sa esattamente cosa vuole, non ha bisogno di un marchio, anzi. Indosserà il gioiello con la sua personalità ed il suo stile, perché è chi lo indossa che valorizza il gioiello, non il contrario. Le nostre clienti sono fantastiche, sono persone che vivono manifestando il proprio modo di essere. Ne cito solo una: una splendida sessantenne che nei weekend, smessi i panni di super imprenditrice di successo, si veste di pelle dalla testa ai piedi monta sul suo “Panhead” e via… on the road. Questo modo di essere rappresenta “Younique”, la filosofia alla base di ogni nostra creazione. 

Da cosa trai ispirazione?

Sono una persona curiosa, trovo ispirazione da cose e circostanze inattese, dai viaggi…; l’idea, la forma che stavi cercando, ad un certo punto arriva e prende corpo. Amo molto le pietre di colore, smeraldi, rubini, zaffiri… mi affascina la diversità delle sfumature del loro colore a seconda del luogo da cui provengono e delle latitudini a cui le si guardano. Amo però i colori in generale, non solo quelli delle pietre preziose ma anche quelli delle pietre dure. Probabilmente perché ho sempre avuto una grande passione per gli Indiani d’America e per i loro gioielli. Ho visitato spesso le riserve indiane e sono rimasta affascinata dalla fierezza e dall’orgoglio dei loro occhi anche se quello sguardo che vedeva lontano contrastava molto con l’essere rinchiusi in una riserva. Ma i contrasti, a volte, sono necessari e produttivi. Soprattutto quando si parla di creatività. Rifuggo la condiscendenza, non la considero positiva. 

Fratelli Piccini gode di un prestigio internazionale. Quale è il rapporto con i clienti stranieri?

Storicamente abbiamo un fortissimo rapporto con gli Stati Uniti ma abbiamo clienti provenienti da tutto il mondo e da qualche anno anche molti russi e cinesi sebbene il cliente estero con cui lavoriamo di più è americano. Una sorta di affinità elettiva direi. A testimoniare la storicità della nostra relazione con gli Stati Uniti abbiamo Clienti anche di terza generazione. I nostri gioielli hanno segnato e segnano tutt’oggi i momenti più importanti delle loro famiglie. È un rapporto personale imperniato sulla fiducia. Spesso si diventa una famiglia allargata creando rapporti di sincera amicizia che vanno al di là del rapporto Cliente – Fornitore.

Un tuo pensiero sul futuro di Fratelli Piccini.

Attualmente Fratelli Piccini è composta da tre donne: mia mamma Laura, mia sorella Cristina ed io. Mi piace pensare che la quinta generazione alla guida di Fratelli Piccini sarà composta dai nostri tre figli, di nuovo tre maschi, come è stato con lo zio Armando, lo zio Tebaldo e mio nonno, Renzo Piccini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.