Via Francigena An extraordinary journey to discover the Tuscan territory

0
Monteriggioni (SI), Toscana, Italia, Europa

by Anna Balzani – Editor-in-chief
Twitter: @AnnaBalzani –

Via Francigena crosses the entire Tuscan region marking a journey to discover her many places, even those lesser known, giving the visitor an opportunity to fully appreciate a land whose purpose is to amaze and inspire anyone who travels on it. The Via Francigena is a 380 km route that can be travelled in 15 stages; a fully signposted and secure journey to avoid repetition, thanks to important measures implemented over the years by the Tuscany Region; an itinerary that can be experienced by the traveler who wants to rediscover the beauty of the territory and regain their relationship with nature, through bicycle and horseback rides, and on foot, or a wonderful combination, whilst enjoying a gastronomic experience, rich in history, art, culture and spirituality.

Monteriggioni (SI), Toscana, Italia, Europa
Photos by Enrico Caracciolo

From the viscose and fresh Lunigiana area that features treasures such as Pontremoli, villages, churches and castles, to Pietrasanta; following the road down to Lucca, travelling up to S. Miniato and across the hills until sight of the towers of S. Gimignano. Exploring on by crossing Monteriggioni, entering Siena and continuing towards Mount Amiata, and into Val D’Orcia, Radicofani from where the territory opens out and leads on to Rome. The story of Via Francigena has its roots in the Middle Ages, establishing an axis of European communication from Canterbury to Rome following the footsteps of Sigerico, the Archbishop of Canterbury, who reached Rome to receive the papal investiture from Pope John XV in 990AD. Over the centuries, cities have been built along the Via Francigena, with churches and facilities to support the pilgrims, with many still visible today.

Photos by Enrico Caracciolo
Photos by Enrico Caracciolo

Travelling on a stretch of the Via Francigena can be a way to get to know this territory in depth, but also a journey to discover man has not changed all that much; it means to find a little time for oneself and for the people around us, diving into the pleasures of nature, into the tranquility of an isolated place, in a timeless environment, outside the accustomed rhythm of modern times. Moreover, the perception of pilgrimage nowadays goes beyond the path of faith. The rediscovery of the importance of self-knowledge, the understanding of others, the important values of life, are increasingly present and represent a social need more profound than ever. In this regard, the Jubilee is very relevant to the present.

quarto di pag_alta_def

For more information:
turismo.intoscana.it

Italiano

La Via Francigena attraversa interamente la regione Toscana e ci offre l’opportunità di scoprirne i mille volti, anche quelli meno conosciuti, offrendoci l’opportunità di conoscere appieno e sotto molti punti di vista una terra la cui vocazione è quella di stupire e appassionare chiunque la percorra. La Via Francigena si delinea in un itinerario di 380 km percorribile in 15 tappe, un percorso completamente segnalato e messo in sicurezza grazie ad importanti interventi attuati negli anni dalla Regione Toscana; un percorso che può essere vissuto dal viaggiatore che desidera riscoprire la bellezza del territorio ed il rapporto con la natura, attraverso escursioni in bicicletta, a piedi o a cavallo, ma anche un’esperienza enogastronomica, di arricchimento storico, artistico, culturale e spirituale. O anche tutto insieme. Dalla boscosa e fresca lunigiana che racchiude tesori come Pontremoli, borghi, pievi e castelli, fino a Pietrasanta, per poi scendere fino a Lucca, risalire da S. Miniato e attraversare le colline fino a vedere le torri di S. Gimignano. Proseguire poi attraverso Monteriggioni, entrare a Siena e risalire verso il monte Amiata, poi la Val D’Orcia, Radicofani da dove si apre il territorio che condurrà fino a Roma. La storia della Francigena affonda le sue radici nel Medioevo, costituendo un’asse di comunicazione europea che partiva da Canterbury per arrivare fino a Roma ed è nata nel 990 sulle orme del viaggio di Sigerico, vescovo di Canterbury, che raggiunse Roma per ricevere l’investitura papale da Giovanni XV.

Photos by Enrico Caracciolo
Photos by Enrico Caracciolo

Nei secoli, lungo la Via Francigena si sono sviluppate città, pievi e strutture proprio per assistere i pellegrini e molte di queste testimonianze sono visibili ancora oggi. Percorrere un tratto della Via Francigena può essere un modo per conoscere nel profondo il nostro territorio, ma anche un viaggio per scoprire che l’uomo non è poi così tanto cambiato; significa ritrovare un po’ di tempo per sé e per le persone che ci circondano, immergersi nel piacere della natura, nella quiete di un luogo isolato, in atmosfere fuori dal tempo e dai ritmi a cui oggi siamo abituati. Del resto, oggi, la percezione del pellegrinaggio va oltre il percorso di fede. La riscoperta dell’importanza della conoscenza di se stessi, della comprensione del prossimo, dei valori importanti dell’esistenza, sono sempre più attuali e rappresentano una necessità sociale sempre più profonda. In questo senso, il Giubileo è di grandissima attualità.

Per ulteriori informazioni:
turismo.intoscana.it

LEAVE A REPLY