Florentine Summer 2016 "Un motore sociale, culturale ed economico di grande rilievo e impatto sulla città"

0

By Tommaso Sacchi –Direttore Artistico Estate Fiorentina 2016 – Capo Segreteria Cultura /Chief of the Secretariat of Culture Department –

Six months, one hundred and fifty city spaces involved, one hundred and four cultural associations, a program of nearly eight hundred events and investment of seven hundred thousand euros. These are the numbers of the Florentine summer. A format which is takes place over extensive period of time and is diffused, merits to approach less central associations and places of our city.

LOS ANGELES, CA - FEBRUARY 11: Musician Sting performs "Roxanne" onstage with the band The Police opening the 49th Annual Grammy Awards at the Staples Center on February 11, 2007 in Los Angeles, California. (Photo by Kevin Winter/Getty Images)
Sting Back To Bass Tour 28 Luglio Visarno Arena, Parco delle Cascine a Firenze, ore 21.00

This cultural format has a double objective: to give voice to the local production, inviting it to relate to outsiders and to systemise the richness of the extraordinary places, homogenously dotting hundred square kilometres of the city. This latter is the record which does not exist in any other corner of the planet. So, the summer spectacles have a new role (which today represents a national model) essentially confirming the fact that Florence is able to – without fear – talk about “cultural industry”, or in other words, a social engine, of a great cultural and economic significance and the impact on the city itself with important changes in terms of induced economic and cultural tourism. The two concepts which followed the execution of the program have been “Contemporary” and “Unknown”. A lot of attention was given to the present-day discourses placing the city to the centre of the global debates about contemporary cultural production, once and for all disproving the prejudice that Florence is concerned only about its roots, and not turning its gaze away from splendours and magnificence (albeit extraordinary) of the past. Thus, with the help of Florentine Summer, Florence puts itself on the more modern narration frame looking through the eyes of great artists who find the city to have the ideal environment to realise their productions and remarkable actions. From May to October we have (and we will have) exceptional characters of the international contemporary artistic scene: from Sting to Massive Attack, from Nanni Balestrini to Masbedo, from Michael Nyman to the MTV Days, from Virgilio Sieni to Alessandro Sciarroni (just to name the few). The unknown is the other recurring aspect defining the program: promote less known places further from the center, where mass tourism is rarer. In brief summary, it is a system of places, networks, characters and contents which contribute to a new narrative identity of the city, composed of both history and modernity.

Translated by Jurgita Tuzikaite

Italiano

Sei mesi, centocinquanta spazi in città coinvolti, centoquattro associazioni culturali, un programma di quasi ottocento manifestazioni, settecentomila euro di investimento. Questi sono i numeri della nostra lunga estate fiorentina. Un formato esteso nel tempo e diffuso, che ha il merito di avvicinare associazioni e luoghi anche meno centrali della nostra città.

Questo formato culturale ha un duplice obiettivo: dare voce alla produzione locale invitandola a relazionarsi con ciò che viene da fuori e mettere a sistema la ricchezza di luoghi straordinari che punteggiano in maniera omogenea i cento chilometri quadrati di Città. Primato, quest’ultimo, che non esiste in nessun altro angolo del pianeta. La rassegna estiva in questa sua nuova veste (che oggi rappresenta un modello nazionale) sostanzialmente conferma il fatto che a Firenze si possa – senza timore – parlare di “industria culturale” ovvero di un motore sociale, culturale ed economico di grande rilievo e impatto sulla città stessa, con ricadute importanti in termini di indotto economico e turismo culturale. I due aggettivi che hanno seguito la costruzione del palinsesto, sono stati “Contemporaneo” e “Ignoto”.

Italian Brass Week  dal 17 al 24 luglio 2016 Palazzo Pitti, Giardino dell’Orticultura,  Villa Bardini, Chiesa dei  SS. Michele e Gaetano, Ponte Vecchio,  Piazza Duomo,  Le Pavoniere
Italian Brass Week  dal 17 al 24 luglio 2016 Palazzo Pitti, Giardino dell’Orticultura, Villa Bardini, Chiesa dei SS. Michele e Gaetano, Ponte Vecchio, Piazza Duomo, Le Pavoniere

Si è data molta attenzione ai linguaggi dell’oggi, ponendo la città al centro del dibattito globale sulla produzione culturale contemporanea, uscendo – una volta per tutte – dal pregiudizio secondo il quale Firenze si occupa solo delle sue radici, non volgendo lo sguardo oltre gli splendori e le magnificenze (seppur straordinari) del passato. Firenze, anche grazie all’aiuto dell’Estate Fiorentina, parla dell’oggi e si racconta attraverso lo sguardo di grandi artisti che trovano in città il contesto ideale e fertile per dare corpo alle loro produzioni, a straordinarie azioni.
Da Maggio a ottobre abbiamo (e avremo) in città straordinari protagonisti della scena artistica internazionale contemporanea: da Sting ai Massive Attack, da Nanni Balestrini ai Masbedo, da Michael Nyman agli MTV Days, da Virgilio Sieni a Alessandro Sciarroni  (solo per citarne alcuni).

Living Coltrane Quartet Venerdi 9 Settembre, ore 21.30 Cortile del Museo Nazionale del Bargello (via del Proconsolo, 4)
Living Coltrane Quartet Venerdi 9 Settembre, ore 21.30 Cortile del Museo Nazionale del Bargello, (via del Proconsolo, 4)

L’ignoto è l’altro aspetto che ritorna a cadenza regolare nella definizione del palinsesto: valorizzare i luoghi meno centrali, i luoghi meno noti e quelli meno battuti dai fitti passi del turismo di massa. In estrema sintesi, un sistema di luoghi, reti, protagonisti e contenuti che contribuiscono ad una nuova narrativa identitaria della città, fatta certamente di storia ma anche di attualità.

www.estatefiorentina.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.