Tuscany, more and more “a symbol of innovation, quality and good living” Words of Stefano Ciuoffo, Regional Councilor for Productive Activities, Credit, Tourism and Commerce

0
Stefano Ciuoffo

Three hundred years have passed since the grand ducal official proclamations by Cosimo III of Medici given to protect the territory of production and to smooth the commercial trading of Tuscan wines. In fact with the proclamation from July 18th, 1716 he governed the regulation of wine commerce while with the one from September 24th he established for the first time the correspondence between a denomination and the territory of production, with its borders. A decisive turning point of modern agriculture. Today, as it was then, the capacity of innovation and modernization, awareness of the local identity and roots, distinguish the Tuscany region and go hand in hand with its attractiveness.

The innovation is always more connected with the productive activities that represent an example of excellence on our territory, such as food processing, wine making, shipbuilding, textiles (high fashion and leather), handicrafts, artisanship, jewelry, railway district and certainly tourism, which connects all these opportunities. All of this is true even in the light if the fact that, as claimed by the Councilor Stefano Ciuoffo, Regional Councilor for Productive Activities, Credit, Tourism and Commerce, “if we take in consideration that the tourism sector represents 8% of the GPD of Tuscany it is obvious that the economy connected to tourism has to be managed in an entrepreneurial way, it has to be ‘cultivated’, and needs support and training also because the quality of our hospitability is measured by the high professionalism of places and people; we need to talk about it more, to train more, to invest in the qualification of our young people, also through the implementation of new technologies and app”.

Changes in sight for the legislation of tourism also, as “the law that is currently at force dates back to the year 2000 – explains Councilor Ciuoffo – and was going to be completely innovated in order to adapt to the transformations of the offer, if managing and the touristic product which happened in these last sixteen years, but also in terms of new ways of thinking and making arrangements for the trip by the people. We are also thinking at the changes derived from the on-line reservations, tourist locations from private parties and the so-called ‘sharing economy’; an obvious regulatory gap that needed a systematic view that would respond to the new requirements of the economy and to the need of consumer protection in order to favor the construction of a responsible tourism, competent and sustainable in the whole region, from small villages to the center of great cities of art”. Underlining the importance of tourism planning “out of season” as well, the Councilor has talked about “seasonal adjustment” considering the development of coastal areas and the Tuscan archipelago, the marine parks, the spa industry and the “snow boots” namely in Abetone or Amiata and even to the border areas of the region, because in a territory that wants to be kept intact in its landscape is “important the creation of such infrastructure and services, as well as cooperation with neighboring regions; for example with Emilia Romagna, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo we drafted protocols to make and promote synergy along the central Italy”. Indisputable is the role played by the wine tourism: “Wine is a product of excellence in Tuscany and represents an important opportunity for the territory, it’s a cultural product; just consider the great interest aroused by the Tuscan wineries, cellars copyright, architecture wine and relevance at the national level”.

“The journey is becoming more and more the one where you look for the emotions. We see a growing demand for ‘experiential’ tourism where the traveler wants to be more and more the protagonist of his vacation. Also often, and more and more, we think and we are looking for information on a trip on-line. We need an offer that is more welcoming and culturally structured, essential to trace new routes over the cities of art, before and during the journey. This is the objective of the project Toscana ovunque bella (Beautiful Tuscan Everywhere), which presents a history for each of the 278 municipalities in our region” continues Ciuoffo.
About all of this it will also be discussed at the ninth edition of “BTO – Buy Tourism Online”, the most important event on the digital tourism in Europe that from November 30th to December 1st, 2016 will animate the Fortezza da Basso in Florence. Among the guests, giants like Tripadvisor or Booking.com, world champion of online bookings, and then Expedia, Ryanair, Airbnb, leader in sharing houses and private accommodation. In 2015, digital tourism in Italy rose by 8% and is growing every year, as well as the whole tourist sector. Sales of over ten billion euro, or nearly one-fifth of the total turnover. An important and strategic sector in our region, and among about 90 million tourists (increasing, both foreigners Italians) who came last year and stayed overnight in Tuscany, many have done so through the internet.
This is why the day after the BTO, on Dicember 2nd 2016, the appointment is with “Ecosistemi digitali”, a public event promoted by the Ministry of Economic Development and the Italian Regions, “developed by the Tuscan Region and by Toscana Touristic Promotion in order to define the projects and the actions to be implemented between now and 2022, in order to support with appropriate tools further development of the digital tourism” concludes Ciuoffo.

Italiano

Sono trascorsi trecento anni dai bandi granducali emanati da Cosimo III de’ Medici a tutela del territorio di produzione e del corretto scambio commerciale dei vini toscani. Infatti con l’editto del 18 luglio 1716 egli disciplinava la regolamentazione del commercio dei vini mentre con quello del 24 settembre 1716 stabiliva per la prima volta la corrispondenza tra una denominazione e il territorio di produzione, con i relativi confini. Un deciso punto di svolta dell’agricoltura moderna.

Oggi come allora, capacità d’innovazione e modernità, consapevolezza della propria identità territoriale e delle proprie radici, contraddistinguono la regione Toscana e procedono di pari passo con la sua capacità di attrazione. L’innovazione è sempre più connessa con le attività produttive che rappresentano un esempio di eccellenza nel nostro territorio, quali l’agroalimentare, l’enologia, la cantieristica navale, il settore tessile (alta moda e pelletteria), l’artigianato, l’oreficeria, il distretto ferroviario e certamente il turismo, che raccoglie tutte queste opportunità. Ciò è vero anche alla luce del fatto che, come asserisce l’Assessore Stefano Ciuoffo, Assessore regionale alle Attività produttive, al credito, al turismo, al commercio, “se consideriamo che il settore turismo rappresenta l’8% del PIL della Toscana è evidente che l’economia legata al turismo deve essere gestita in modo imprenditoriale, deve essere ‘coltivata’, ed ha bisogno di supporto e formazione anche perché la qualità della nostra accoglienza si misura con la maggiore professionalizzazione di luoghi e persone; dobbiamo raccontarci di più, fare più formazione, investire nella qualificazione dei nostri giovani, anche attraverso l’implementazione delle nuove tecnologie e le app”.

Cambiamenti in vista anche per la normativa sul turismo, in quanto “la legge attualmente in vigore risale al 2000 – spiega l’assessore Ciuoffo – e andava profondamente innovata al fine di adeguarsi alle trasformazioni dell’offerta, della gestione e del prodotto turistico avvenute in questi sedici anni, ma anche in funzione delle nuove modalità di pensare e organizzare il viaggio da parte delle persone. Pensiamo anche solo ai cambiamenti derivati dalle prenotazioni on-line, dalle locazioni turistiche da parte dei privati e alla cosiddetta ‘sharing economy’; un evidente vuoto normativo che necessitava di un sistematico inquadramento che fosse rispondente alle nuove esigenze dell’economia ed al bisogno di tutela dei consumatori per favorire la costruzione di un turismo consapevole, competente e sostenibile in tutto il territorio regionale, dai piccolo borghi al centro delle grandi città d’arte”.
Sottolineando l’importanza di una programmazione turistica anche “fuori stagione”, l’assessore ha parlato di “destagionalizzazione”, pensando alla valorizzazione delle zone costiere e dell’arcipelago toscani, i parchi marini, il settore termale ed il “sistema neve”, ovvero all’Abetone o all’Amiata ed anche ai territori di confine della regione, perché in un territorio che vuole mantenersi integro nel suo paesaggio è “importante la realizzazione delle infrastrutture e dei servizi, oltre che la collaborazione con le regioni confinanti; per esempio con l’Emilia Romagna, le Marche, l’Umbria, il Lazio, l’Abruzzo abbiamo stilato dei protocolli per fare sinergia e promuovere insieme l’Italia centrale”.

Indiscutibile è il ruolo giocato dal turismo enologico: “il vino è un prodotto di eccellenza della Toscana e rappresenta un’opportunità importante per il territorio, è un prodotto culturale; basti considerare il grande interesse suscitato dalle cantine toscane, dalle cantine d’autore, dall’architettura del vino e la rilevanza anche a livello nazionale”.

“Il viaggio è sempre più quello dove si cercano le emozioni. Assistiamo ad una domanda crescente di turismo ‘esperienziale’ nel quale il viaggiatore vuole essere sempre più protagonista della sua vacanza. Inoltre spesso, e sempre di più, si pensa e si cercano on-line le informazioni per un viaggio. Abbiamo bisogno di un’offerta che sia ancora più accogliente e culturalmente strutturata, essenziale per tracciare nuove rotte oltre le città d’arte, prima e durante il viaggio. È questo l’obiettivo del progetto Toscana ovunque bella, che presenta una storia per ciascuno dei 278 Comuni della nostra regione” prosegue Ciuoffo.

Anche di questo si parlerà alla nona edizione della “BTO – Buy Tourism on line”, l’evento sul turismo digitale più importante d’Europa che dal 30 novembre al 1 dicembre 2016 animerà la Fortezza da Basso di Firenze. Tra gli ospiti, colossi come Tripadvisor o Booking.com, campione mondiale delle prenotazioni online, e poi Expedia, Ryanair, Airbnb, leader nella condivisione di case e alloggi privati. Nel 2015 il turismo digitale in Italia è cresciuto dell’8% e cresce di anno in anno, come tutto il comparto turistico. Un fatturato di oltre dieci miliardi di euro, ovvero quasi un quinto dell’intero fatturato. Un settore importante e strategico per la nostra regione, e tra i circa 90 milioni di turisti (in aumento sia gli stranieri che gli italiani) che l’anno scorso sono arrivati ed hanno pernottato in Toscana, molti lo hanno fatto attraverso internet.È per questo che il giorno dopo la BTO, il 2 dicembre 2016, l’appuntamento è con “Ecosistemi digitali” ovvero un evento pubblico promosso dal Ministero per i beni culturali, dal Ministero per lo sviluppo economico e dalle Regioni italiane, “sviluppato dalla Regione Toscana e da Toscana Promozione Turistica per definire i progetti e le azioni da attuare da qui al 2022, al fine di supportare con adeguati strumenti l’ulteriore sviluppo del turismo digitale” conclude Ciuoffo.

www.toscanaovunquebella.it
www.intoscana.it
www.vetrina.toscana.it

LEAVE A REPLY