Discovering Dino Campana The mad poet from Marradi

0
Dino Campana (Marradi, 20 agosto 1885 Scandicci, 1º marzo 1932)

If by chance, anyone would like to touch the most beautiful madness of the twentieth century, there’s nothing more to do than register at the Biblioteca Marucelliana.
And then rest everything that you carry, ask where the manuscripts hall is and present yourselves in a room smaller than the reading room.
From that point on you can ask to research “Il piu lungo giorno” which is the original manuscript of Dino Campana, the mad poet from Marradi, the man who created “I Canti orfici”, that which makes Sibilla Aleramo break down with love, the “peasant” who armed himself with a knife and went to find that Papini, guilty of losing the manuscript, the writer that was later declaimed from the Asinelli Tower in Bologna by Carmelo Bene.
The notebook that you can consult is a beautiful one. A notebook filled with suffering and poetry. With a calligraphy that doesn’t stumble. With a poetry that intoxicates.

Sibilla Aleramo (Alessandria, 14 agosto 1876-Roma, 13 gennaio 1960)

Italiano

Se per caso qualcuno avesse voglia di toccare con mano la follia più bella del Novecento, non deve altro che registrarsi alla Biblioteca Marucelliana. E poi poggiare tutto quello che porta addosso, chiedere dove si trova la sala dei manoscritti e presentarsi in una stanza molto più piccola rispetto alla sala di lettura. A quel punto può chiedere di consultare “Il più lungo giorno” che è il manoscritto originale di Dino Campana, il poeta pazzo di Marradi, l’uomo che ha creato “I Canti orfici”, quello che fece sbiellare d’amore Sibilla Aleramo, il “campagnolo” che armato di coltello venne a cercare quel Papini colpevole di aver perso il manoscritto, lo scrittore che più tardi fu declamato dalla Torre degli Asinelli di Bologna da Carmelo Bene. È un quaderno bellissimo, quello che potrete consultare. Un quaderno pieno di sofferenza e poesia. Con una scrittura senza sussulti, dritta. Con una calligrafia che non inciampa. Con una poesia che inebria.

The reading room of the
Biblioteca Marucelliana
Florence
Via Camillo Cavour, 43,
Phone: 055 272 2200

LEAVE A REPLY