Il Campanile Pisano riunisce le “Cattedrali Europee”

0

Su invito dell’Opera della Primaziale Pisana si riuniscono a Pisa i rappresentanti di alcune delle più prestigiose cattedrali europee per partecipare al convegno che, dal 2011, è incentrato su importanti tematiche inerenti la conservazione e la valorizzazione dello straordinario patrimonio artistico delle “case di Dio”, con il proposito di consolidare un network a livello europeo in grado di dare risposte ad esigenze comuni. Tra i partecipanti la Soprintendenza di Pisa, l’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro di Roma, l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, l’Europäische Vereinigung der Dombaumeister (Germania), la Cathedral Architect Association (Gran Bretagna) ovvero l’Associazione europea che riunisce i Capi delle Maestranze, le cattedrali, basiliche e fabbricerie di Firenze, Parma, Milano, Roma, Assisi, Siena, Venezia. Inoltre tra i paesi ospiti del convegno vi sono Francia, Germania, Spagna, Gran Bretagna, Portogallo, Belgio, Malta, Austria, Repubblica Ceca, Serbia. Ogni anno il convegno propone un argomento in base alle esperienze ed esigenze più significative delle cattedrali e fabbricerie. Per esempio il primo convegno del 2011 era dedicato alla “Gestione delle Fabbriche Monumentali”, dal coordinamento delle attività negli edifici e complessi monumentali, alla programmazione degli interventi, alla ricerca di fondi in un delicato equilibrio di poteri fra Stato e Chiesa, tra pubblico e privato, al necessario adattamento ai nuovi scenari che il turismo internazionale mette in campo, richiedendo a questi organismi secolari di adeguarsi ai moderni standard in termini di servizi, sicurezza e gestione. A far da cornice a questo primo appuntamento fu proprio la conclusione del restauro del Campanile Pisano.

Nel 2012 il Convegno affrontò il tema della “Conservazione Programmata”: aspetti strutturali, la necessità di mappare con adeguati strumenti informatici lo stato di degrado e le azioni compiute sul manufatto artistico, l’esigenza di produrre archivi digitali, al fine di consentire il monitoraggio costante delle fabbriche monumentali, del loro patrimonio e apparato decorativo.

Nel 2013 il Convegno ha trattato la “Conservazione delle vetrate storiche”, dove interessantissimo è stato l’intervento di Caterina Pirina, Presidente del Corpus Vitrearum Medii Aevi, l’Associazione Internazionale nata nell’immediato dopoguerra ed impegnata nello studio e nella conservazione delle vetrate medievali europee. Il Convegno del 2014 ha approfondito il tema del “Patrimonio Pittorico”. La presenza di tanti specialisti del settore ha permesso di dare conto dei molti ed eccellenti restauri condotti proprio in Italia sulle pitture murali di chiese e cappelle: il restauro realizzato ad Assisi dopo il terremoto del 1997, l’intervento sugli affreschi di Giotto nella Cappella degli Scrovegni di Padova, il capolavoro di Michelangelo nella Cappella Sistina tornato a splendere, i numerosi interventi nella Basilica di Santa Croce a Firenze. Un patrimonio collettivo su cui operatori esperti, avvalendosi dei risultati della più avanzata ricerca tecnologica nel campo della diagnostica e delle metodologie di intervento, hanno portato a termine veri e propri salvataggi.
Nel 2015, con il tema “Patrimonio Scultoreo”, il Convegno ha offerto una panoramica del concetto di “arte plastica” negli edifici di culto, partendo dall’analisi delle cattedrali romaniche fino ad arrivare alla Sagrada Familia di Barcellona, ponendo particolare attenzione ai materiali: dalla pietra al legno, dalla terracotta ai metalli. Una sezione speciale è stata dedicata alle porte bronzee: dalla più antica, quella di Bonanno Pisano per il Duomo di Monreale, alla più moderna opera di Giacomo Manzù per la Cattedrale di Salisburgo, fino al restauro della Porta Nord di Lorenzo Ghiberti, nel Battistero di Firenze. Se il Convegno del 2016 ha proposto il tema “Nuove Tecnologie” per la conservazione ed il restauro del patrimonio artistico, quello del 2017 sarà incentrato su “Campanili e Campane” e sarà articolato in due sezioni, con una parte dedicata agli interventi specifici legati al sisma. Così, il Campanile Pisano, argomento protagonista del 2011, può essere considerato l’immagine del Convegno d’importanza internazionale, realizzato e promosso dall’Opera della Primaziale Pisana, quando dal 20 al 21 ottobre 2017, a Pisa, “si faranno sentire” le campane europee, la voce viva e moderna della fede.

ENGLISH

quarto di pag_alta_def

The Bell Tower of Pisa reunites the “European Cathedrals”
From the 20th until the 21st October 2017

At the invitation of the Primaziale Pisana Opera the representatives of some of the most prestigious European cathedrals reunite at Pisa to participate in the conference which, since 2011, focuses on important issues on conservation and enhancement of the extraordinary artistic heritage of the “houses of God”, with the purpose of consolidating a European network capable of responding to common needs. Among the participants are the Superintendence of Pisa, the Institute for the Conservation and Restoration of Rome, the Opificio delle Pietre Dure from Florence, the Europäische Vereinigung der Dombaumeister (Germany), the Cathedral Architect Association (Great Britain) shortly the European Association that brings together the Heads of the Maestranza, the cathedrals, basilicas and manufacturers of Florence, Parma, Milan, Rome, Assisi, Siena, Venice. Also, among the guest countries present at the convention there are France, Germany, Spain, Great Britain, Portugal, Belgium, Malta, Austria, Czech Republic, Serbia. Each year the conference proposes a topic based on the most significant experiences and needs of cathedrals and manufacturing. For example the first convention in 2011 was dedicated to the “Management of Monumental Factories”, from coordinating activities in buildings and monumental complexes, to programming interventions, seeking funds in a delicate balance of power between the State and the Church, between the public and the private sector, to adapt to the new scenarios that international tourism puts in place, requiring to these secular institutions to adjust to modern standards in terms of services, security and management. The conclusion of the restoration of the Bell Tower in Pisa was the cornerstone of this first appointment. In 2012, the Conference addressed the theme of “Programmable Conservation”: structural aspects, the need to map with appropriate computer tools the state of degradation and the carried out actions on the artwork, the need to produce digital archives, in order to allow constant monitoring of monumental factories, their heritage and decorative apparatus.

In 2013, the Conference covered the “Conservation of historic stained glass windows”, where there was an interesting intervention of Caterina Pirina, President of Corpus Vitrearum Medii Aevi, the International Association born in the post-war period and involved in the study and conservation of the stained glass windows from Medieval Europe.
The 2014 Conference has deepened the theme of “Painting Heritage”. The presence of so many specialists in the field has allowed us to take into account the many and excellent restorations made in Italy on the murals of churches and chapels: the restoration made in Assisi after the earthquake of 1997, the intervention on Giotto’s frescoes in the Chapel of the Scrovegni of Padua, the masterpiece of Michelangelo in the Sistine Chapel, returned to shine, the numerous interventions in the Basilica of Santa Croce in Florence. A collective patrimony on which experienced operators, using the results of the most advanced technology for research in the field of diagnostics and intervention methodologies, have come to life with real solutions.

In 2015, with the theme “Sculptural Heritage”, the conference offered an overview of the concept of “plastic arts” in the worship buildings, starting from the analysis of the Romanesque cathedrals to the Sagrada Familia in Barcelona, with a particular attention to materials: from stone to wood, from terracotta to metals. A special section was dedicated to bronze doors: from the oldest, by Bonanno Pisano for the Monreale Cathedral, to the most modern opera by Giacomo Manzù for the Cathedral of Salzburg, and finally to the restoration of Lorenzo Ghiberti’s Porta Nord in the Baptistery of Florence. If the 2016 Conference proposed the theme “New Technologies” for the preservation and restoration of the artistic patrimony, 2017 will focus on “Bell Towers and Bells” and will be divided into two parts, with a section devoted to targeted interventions linked to earthquakes. Thus, the Bell Tower of Pisa, a protagonist of the 2011 conference, can be considered the image of the internationally known event, realized and promoted by the Opera of Primaziale Pisana Opera, when starting from the 20th until the 21st October 2017, in Pisa, the European bells “will hear”, the energetic and modern voice of faith.

Desideriamo ringraziare il Segretario dell’OPAE, Dott. Gianluca De Felice, per la sua preziosa collaborazione

We would like to thank the Secretary of the OPAE,Dr. Gianluca De Felice, for his
valuable collaboration

www.opapisa.it

LEAVE A REPLY