“Know” – La mostra di Alfred Milot Mirashi a Pietrasanta

0
Angolo Mediterraneo 2017, mista su tela, trittico 160x220cm, courtesy Galleria Tornabuoni, foto di Michele Stanzione

Alfred Milot Mirashi è un’artista che ha fatto molta strada, non solo in senso artistico. Nella vita, la passione e una forte volontà lo hanno portato a seguire un percorso fatto di piccole conquiste. L’obiettivo da perseguire è stato per lui fin da subito molto chiaro: dare piena libertà a se stesso e alla sua innata creatività esprimendo la sua personale visione del mondo attraverso l’arte.

Sul percorso di Milot ecco che arriva Pietrasanta, la città madre della scultura e tappa ambita da ogni scultore, italiano o straniero. La mostra “Know”, che significa “conoscere” assume così una doppia valenza: racchiude in sé il messaggio che l’artista vuole portare presentando alcune delle sue opere che hanno tutte come protagonista una chiave, simbolo dell’apertura totale che l’arte può portare come messaggio per la cultura, ma soprattutto per le diverse culture, azzerando i confini creati degli uomini; al tempo stesso rappresenta una nuova conoscenza per l’artista che realizza per questa esposizione le sue prime sculture in marmo e sceglie Pietrasanta per presentarle. E non poteva essere altrimenti: è l’essenza stessa della città che richiama al marmo, che seduce l’artista con il suo candore e la sua morbida vitalità. Milot presenta in questa mostra l’opera “Incastro” e “Incastro blu”, entrambe realizzate grazie alla collaborazione con una delle aziende storiche del marmo a Pietrasanta, la Bovecchi Srl, e la sua Galleria Open One. Pietrasanta ringrazia l’artista offrendo come sede esclusiva della mostra, per la prima volta, il maestoso atrio del Palazzo Comunale dove si potrà ammirare la maestosa chiave bianca di “Primatus Petri”, opera anch’essa inedita che sarà l’altra protagonista dell’esposizione, insieme a “7 keys” e “Montblanc”, la chiave che Milot ha realizzato per il famoso marchio di strumenti per scrittura (e non solo) e due proposte pittoriche dove i colori vivi e caldi rendono omaggio al nostro Mediterraneo.

ENGLISH

“Know” – The exhibit of Alfred Milot Mirashi at Pietrasanta

Alfred Milot Mirashi is an artist who has come a long way and not only in the artistic sense of the words. In his life, passion and a strong ambition led him to follow a path of small achievements. The pursued goal was very clear to him from the beginning: to give complete freedom to himself and to his innate creativity expressing his personal vision of the world through art.

Milot’s path arrives at Pietrasanta, home city of sculpture and a stopping point desired by any sculptor, Italian or foreigner. The exhibit “Know”, which means “to know” takes on a double meaning: encloses in itself the message that the artist wants to express, presenting some of his works, all of which have a key as protagonist, symbol of complete openness that art can bring a message for culture, but more than anything for various cultures, eliminating the boundaries created by men; at the same time it represents a new knowledge for the artist who realizes for this exhibit his first sculptures in marble and chooses Pietrasanta to exhibit them. And it couldn’t have been in any other way: the very essence of the city recalls marble, seduces the artist with its candor and its morbid vitality. Milot presents in this exhibit his works “Incastro” and “Incastro blu,” both realized thanks to the collaboration with one of the historic companies for marble in Pietrasanta, Bovecchi Srl, and its Open One Gallery. Pietrasanta thanks the artist by offering for the first time, as an exclusive venue for the exhibit, the majestic atrium of Palazzo Comunale where the majestic white key “Primatus Petri” can be admired, another unique work, that will be the other protagonist of the exhibit, together with “7 keys” and “Montblanc”, the keys which Milot realized for a famous brand of writing tools (and not only) and two painting proposal where warm and lively colors bring homage to our Mediterranean.

SHARE
Previous articleAlfred Milot Mirashi
Next articleHelidon Xhixha

Critica d’arte Galleria Open One,
Pietrasanta

LEAVE A REPLY