The artworks by Chinese master Wu Weishan in Vinci An exhibition project that celebrates the dialogue between East and West

0
Alfred Mirashi e Wu Weishan con le opere che saranno donate alla città di Vinci

Vinci, the birthplace of Leonardo, in occasion of the celebrations for the quincentenary since his death (Amboise, May 2, 1519), is ready to welcome the artworks by Wu Weishan, world renowned Chinese sculptor, whose works, in December 2019, will be permanently exhibited facing the Museo Leonardiano.

Two splendid sculptures with the features of Leonardo da Vinci and Qi Baishi, the great master of Chinese painting in the ‘900s, portraying the dialogue between East and West, and showcased up to now at the National Museum in Beijing, a magnificent museum complex, majestic, with great spaces and visited by thousands and thousands of people every day.
The two characters are set in dialogue, they look at and interrogate each other, almost as if the Chinese master wanted to express admiration and gratitude to the Maestro of all times. The idea of this project started by chance, although it was probably fate that the two sculptures, conceived and born in China, found their ideal home in Vinci, in the heart of Tuscany, the home of Leonardo, where they will be permanently exposed. As of 2014, Wu Weishan is the Director of the National Art Museum of China, in Beijing, and among his many prestigious roles are also that of Vice-Chairman of the China Artists Association and President of the Chinese Academy of Sculpture. During a trip to Beijing, while visiting the National Art Museum with some artist friends and Chinese colleagues, I came across these two grand figures made in bronze, with a markedly different artistic language than traditional Chinese. Speaking of these works with master Lyu Jianfu, I perceived the idea of this dialogue and the universal message of the artwork, capable of knocking down the boundaries of time and space. I spoke about this with the author, Wu Weishan, with Giuseppe Torchia, the Mayor of Vinci, and with Roberta Barsanti, the Director of the Museo Leonardiano. The project has been realized thanks to the contribution of gallery owners Matteo Lorenzelli and Niccolò Raugei, and a special thank you goes also to Andrea Raugei, to Lighting Design, to Paolo Sandrini, and to everyone who participated in the realization of this great event. Master Wu Weishan has thus donated two monumental works to the city of Vinci, proud of the fact that they will remain over the centuries in the city of Leonardo.
Wu Weishan has always focused his research on the traditional Chinese culture and has for long dedicated himself to the creation of sculptures that expressed the spirit of such culture, realizing hundreds of works of great impact, exhibited all over the world. For the realization of his works, he employs different materials, mainly bronze, which he moulds into gigantic figures, works that certainly testify his profound study of the great Italian and French masters, but also highlight an undeniably personal and highly poetic style. Initiator of the so-called “modern Chinese expressionist culture,” Wu Weishan has created a synthesis of the great Chinese sculpture tradition and has carried out a key leading role in the development of contemporary Chinese sculpture, he has published many books, translated into English, French, Spanish, Portuguese, Korean and German, achieving international success and bringing a notable contribution to the diffusion of Chinese culture across the world. As Director of the National Art Museum of China, Wu Weishan has reorganized and enriched the collections of the Museum, making an important contribution to the cultural exchange between China and other countries.

Wu Weishan, the Director of the National Art Museum of China, in Beijing

ENGLISH
Le opere del Maestro cinese Wu Weishan a Vinci
Un progetto espositivo che celebra il dialogo tra Oriente e Occidente

A Vinci, città natale di Leonardo, in occasione delle celebrazioni per il cinquecentenario dalla sua morte (Amboise, 2 maggio 1519), sono attese le opere di Wu Weishan, scultore cinese di fama internazionale, le cui opere, a dicembre 2019, saranno collocate in modo permanente dinanzi al Museo Leonardiano. Due sculture magnifiche con i lineamenti di Leonardo da Vinci e Qi Baishi, il grande maestro della pittura cinese del ‘900, che rappresentano il dialogo tra Occidente e Oriente, e che erano finora esposte al Museo Nazionale di Beijing, un complesso museale magnifico, maestoso, dotato di spazi enormi e visitato da migliaia e migliaia di persone ogni giorno.
I due personaggi dialogano, si guardano, s’interrogano e sembra quasi che il Maestro cinese voglia esprimere ammirazione e gratitudine al Maestro di tutti i tempi. L’idea di questo progetto è nata per caso ma forse era destino che le due sculture, concepite e nate in Cina, trovassero la loro casa ideale a Vinci, nel cuore della Toscana, la patria di Leonardo, dove rimarranno in esposizione permanente. Dal 2014 Wu Weishan è il Direttore del Museo Nazionale d’Arte della Cina, che ha sede a Pechino (Beijing), e tra i molti prestigiosi incarichi che ricopre è anche Vicepresidente dell’Associazione degli Artisti Cinesi e Presidente dell’Associazione degli scultori cinesi. Dal 2008 è anche a capo dell’Accademia di Scultura Cinese. Mi trovavo a Pechino e stavo visitando il Museo Nazionale d’Arte con alcuni amici artisti e colleghi cinesi, quando m’imbatto in questi due grandi personaggi realizzati in bronzo, con un linguaggio artistico decisamente molto diverso da quello tradizionale cinese. Parlando di queste opere con il Maestro Lyu Jianfu percepivo l’idea del loro dialogo e il messaggio universale di quest’opera, capace di abbattere i confini del tempo e dello spazio. Così ne parlai con l’autore, Wu Weishan, con Giuseppe Torchia, il Sindaco di Vinci, e con Roberta Barsanti, la Direttrice del Museo Leonardiano. Il progetto si è realizzato grazie al contributo dei galleristi Matteo Lorenzelli e Niccolò Raugei e un ringraziamento speciale va a Andrea Raugei, a Lighting Design, a Paolo Sandrini e a tutti coloro che a titolo diverso hanno partecipato alla realizzazione di questo grande evento. Il Maestro Wu Weishan ha così donato due opere monumentali a Vinci, orgoglioso del fatto che rimarranno nei secoli nella città di Leonardo.
Wu Weishan ha da sempre posto al centro della sua ricerca la cultura tradizionale cinese e si è a lungo dedicato alla creazione di sculture che esprimessero lo spirito della cultura tradizionale cinese, realizzando centinaia di opere di grande impatto esposte in tutto il mondo. Per la realizzazione delle sue opere utilizza materiali diversi, ma specialmente il bronzo, abilmente plasmato in figure gigantesche, opere che certamente testimoniano lo studio profondo dei grandi maestri italiani e francesi, ma è innegabile che Wu Weishan abbia creato uno stile personale e molto poetico. Iniziatore della cosiddetta “scultura espressionistica cinese moderna”, Wu Weishan ha creato una sintesi della grande tradizione scultorea cinese e svolto un importante ruolo di guida nello sviluppo della scultura cinese contemporanea, ha pubblicato molti libri, tradotti in inglese, francese, spagnolo, portoghese, coreano e tedesco ottenendo successo internazionale e portando un contributo notevole alla diffusione della cultura cinese nel mondo. Come direttore del Museo Nazionale d’arte della Cina, Wu Weishan ha riorganizzato e arricchito le collezioni del Museo, contribuendo notevolmente allo scambio culturale tra la Cina e gli altri paesi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.