Eike Schmidt Director of the Uffizi Galleries

0

In such a watershed global time, let’s reflect on what and how many changes will impact tourism and culture, and how this will affect the ways of experiencing a city such as Florence that relies on such strategic fields, which have been enormously impacted by the grave consequences attributable to the spread of Covid-19 and to the measures adopted to contain the pandemic.

The collective drama caused by the pandemic inevitably also represents a divide between the alleged certainties we had and the new reality that we must now build with lucidity, consciousness and sense of responsibility. In this edition of Florence is You, you can read about many projects that focus on “new beginnings”, innovation and critical perspectives that make us think of the present and the future of our Florentia. The Renaissance was one of the most important moments in the history of humanity, Florence was its cradle, and the Uffizi Galleries envelop what is the essence of the arts of that period. And what about our current and future life? Can it continue to inspire us and nurture our ideas? We spoke of this with Eike Schmidt, Director of the Uffizi Galleries, who is certain that “never as today has the concept at the basis of the term “Renaissance” been so important. We must all “rise from the ashes” of the toughest global crisis in contemporary times, a pandemic with no precedents in the last decades. Now, that particular and somewhat unique historic period becomes evermore exemplary; an era that saw the emergence of a new vision of man and its potential, which changed society forever, as well as the way that humans conceived themselves as part of the universe, with extraordinary consequences on knowledge, on culture, and on the arts”.

Coronavirus is severely affecting the entire planet. In the past months, Europe paid a very high price to the pandemic. What effects has this situation had on general managerial aspects and also in economic terms?
The Uffizi Galleries (thus also the Medicean Boboli Gardens and the former Grand Ducal Palace of Palazzo Pitti) have been closed since the first half of March and for almost three months. But to think that museums have remained still, and their activities “frozen”, would be a mistake. This is not the case: I, as a director, together with all of the museum staff, have worked every day, as always, or rather more than before. In every field, where possible, we resorted to teleworking, while for those activities that could not be carried out remotely – I think of surveillance, cleaning services, the maintenance of the artworks and of the different areas, or technical management – continued without any interruption. Actually, we used this moment of forced stop to give a tremendous boost to the social media presence of our museums, with the goal of staying in touch with families during quarantine, bringing our masterpieces to their devices: since then, we’ve been posting a video every morning, which can be seen on both our social media and on our website. At the same time, we opened our TikTok channel, where we post ironic videos on the artworks in our collection, which have been very successful. The Uffizi “machine” never stopped, quite the contrary, it always kept on going, even, and most of all, during the harshest times.

Contemporary museums are attractive
art galleries, centres for cultural
research and promotion,
and places of education for young individuals.
They must be all of this.

What important changes will take place at the museum due to the pandemic? And how will the museum remain active despite this difficult situation, which seems will persist for quite some time?
This epidemiological crisis is the right moment to rethink museums and tourism. The cities of art are not able to support superficial mass tourism as they have in past years. All of the system needs to be converted to slow tourism. It’s better to return and visit cities of art several times, each time with more depth, with curiosity, love and patience, rather than hurriedly and briefly. This, unfortunately, has been the “style” of travel in the past few years, with a tourism that followed the accelerated rhythms of our existence and that the same cities of art took advantage of, probably feeling cannibalized at the same time. Covid-19 abruptly put a stop to this vicious cycle. And now we cannot, and do not want, to restart with the “selfies and go” format, a half hour race to visit a museum, and then off to another destination that we will not remember and of which we will carry nothing if not a few pictures on our smartphone. The goal must be to prolong stays, to rediscover slowness, to “savour” masterpieces and monuments. Like the Uffizi, we will focus on this battle for a new, slower era. Actually, we’re already on the frontlines.

The lockdown has led many museums to carry out massive positioning activities with regards to online communication. The Uffizi offered an important example in this sense.
First of all, it’s important to underline a fundamental element: on this front, the challenge of the immediate future will be to rebalance and encourage an interaction between the digital and the real worlds, in a productive, interesting and congenial way with regards to the particular conditions of both of these worlds. It is incredible that many still see online communication as just an opportunity to advertise visits to museums, concerts, and so on. These means to ignore 99% of the potential that digital has to offer. At the Uffizi Galleries, we’ve been trying for years to do the opposite: use the very efficient tools of communication that the Web has to offer to induce the desire for a “real” visit by an always-broader public, from all over the world. And the system works: after admiring our masterpieces on our websites or on our social media, many people say that they want to come and enjoy the works on site. Effectively, how did we develop our digital communication strategy? In these last few years, I have activated a specific department, which was not present at the Uffizi before. We launched our official website (www.uffizi.it) where we offer a vast and varied array of content, as well as information, images, videos, virtual tours, and even a scientific art history publication. We are present on all social platforms accessible in Italy, and we’re now entering the Chinese ones too. Thanks to the videos we have been posting, in a very short time we have already gathered hundreds of thousands of views from all over the world, which, for a museum, is not something to give for granted. Every video and every post are welcomed with thousands of likes, lots of shares and comments, in which people thank us for this “at-home art service” that we made available internationally. Having said this, it is obvious that – and the test of this pandemic crisis proves it – the digital presence of the museum must be developed further. It will be the main catalyst for the communication of the future; in fact, it already is so for the present.

In 2019, over four million people visited the Uffizi Galleries (Uffizi, Pitti Palace and Boboli). Do you believe that, once the situation returns to a condition of normality, we will soon return to record similar numbers?
4,391,895 visitors, to be exact. It will be a while before we return to see these numbers. The reopening cannot be but gradual: in this phase, less people than the ordinary capacity can access the Uffizi, and all of the spaces of the Galleries comply with anti-Covid norms to guarantee social distancing between visitors. But there is no doubt that when the situation will return to normality, we will probably have the opposite problem: many more people will want to visit the Galleries than before.

Today, how important is the museum, intended as a cultural institution, in arts education and, therefore, also for “beauty” (a concept that is widely used, and abused)? And in what way are the Uffizi Galleries facing this important mission?
These are very important functions and, moreover, ones that are very well executed by all state-of-the-art international museums. However, today it is still somewhat difficult to overcome the widespread prejudice according to which museums are dusty and eerie places, overflowing with ancient relics to be admired in silence and, possibly, while getting very bored. Nothing could be more wrong: contemporary museums are also attractive art galleries, beautiful and to be “lived”, as well as centres for cultural research and promotion, and places of education for young individuals. They must be all of this. At the Uffizi we take this vision/mission very seriously. Limiting our reflection to just 2019, we have realized 29 scientific volumes for a total of 6,537 pages, organized meetings and dozens of public conferences. The Library has been enriched with 2,624 new books. We have worked a lot with youth (we are the first Italian museum in the field of education), and have carried out 95 internships, alternating school/work programs for 3,002 students, and even visits for families, children, students and youngsters for a total of over 13,000 participants: a small city. In the field of cultural mediation and accessibility for the disabled, we have organized 222 initiatives with 1,732 participants.

How many and which other projects would you like to realize, considering long periods of time and the opportunity to do so?
There are so many that a book would not be enough to list them all! Jokes aside, the main projects we are working on are the reopening to the public of the Vasarian Corridor, which has been closed for years, and soon we will also inaugurate twelve new rooms dedicated to Florentine and Roman paintings of the 16th century, with masterpieces by Daniele da Volterra, Pontormo, Allori, Parmigianino and many other maestros. Then it will be the time of the new rooms dedicated to the vast collections of self-portraits of the Medici and of the Lorraine, a collection that continues to grow even today, since we are welcoming works donated to the museum by the main contemporary artists. And much, much more.

©2020 Dorin Vasilescu | www.timmistudio.com

ITALIANO
Eike Schmidt
Direttore delle Gallerie degli Uffizi

In un momento storico di portata epocale come quello che stiamo attraversando, interroghiamoci su quali e quanti cambiamenti interesseranno il turismo e la cultura e le relative modalità di fruizione in una città come Firenze, per la quale rappresentano ambiti strategici che hanno enormemente risentito delle gravi conseguenze riconducibili alla diffusione del Covid-19 ed ai provvedimenti adottati per contenere il contagio. Il dramma collettivo determinato dalla pandemia costituisce inevitabilmente anche uno spartiacque tra le presunte certezze che avevamo e la nuova realtà che dovremo essere in grado di costruire con lucidità, consapevolezza e senso di responsabilità. In questo numero di Florence is You potrete leggere tanti progetti di “rinascita”, propositi di nuovo e prospettive critiche che alimentano una riflessione inerente il presente e il futuro della nostra Florentia. Il Rinascimento è stato uno dei momenti più importanti nella storia dell’umanità, Firenze è stata la sua “culla” e le Gallerie degli Uffizi racchiudono l’essenza delle arti di quel periodo. E allora, quale è al giorno d’oggi, il significato del Rinascimento? Può ancora avere un’influenza nella nostra vita odierna e futura? Può continuare ad ispirarci alimentando le nostre idee? Lo abbiamo chiesto a Eike Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi, il quale è certo che “mai come in questo momento il concetto che sta alla base del termine stesso, “Rinascimento”, è stato così importante. Dobbiamo tutti “rinascere” dalla più grave crisi globale dell’età contemporanea, una pandemia che non ha precedenti negli ultimi decenni. Così, oggi, diventa più che mai esemplare quel particolare, e per certi versi unico, periodo storico, in cui nacque e si sviluppò una nuova visione dell’uomo e delle sue potenzialità, che cambiò per sempre la società ed il modo stesso in cui l’essere umano si concepiva come parte dell’universo, con conseguenze straordinarie nel pensiero, nella cultura, nelle arti”.

Il coronavirus sta colpendo molto duramente l’intero pianeta. Nei mesi scorsi l’Europa ha pagato un prezzo molto alto alla pandemia. Quanto questa situazione sta influendo sugli aspetti generali di gestione e in termini economici?
Le Gallerie degli Uffizi (inclusi dunque il Giardino mediceo di Boboli e l’ex reggia granducale di Palazzo Pitti) sono state chiuse dalla prima metà di marzo per quasi tre mesi. Ma pensare che i musei siano stati immobili, con la loro attività “congelata”, sarebbe sbagliato. Non è così: sia io come direttore sia tutta la squadra del museo, abbiamo lavorato tutti i giorni, come prima ed anzi, forse, più di prima. In ogni settore, ove possibile, si è fatto ricorso al lavoro agile da casa, e le attività che non potevano essere svolte da remoto – penso in particolare a quelle di vigilanza, pulizie, manutenzione delle opere e degli ambienti, gestione tecnica – sono proseguite senza alcun cambiamento. Anzi, abbiamo colto l’occasione di questo stop forzato per potenziare enormemente la presenza sui social dei nostri musei, proprio con l’obiettivo di far compagnia a tutte le famiglie in occasione della quarantena, offrendo i nostri capolavori sui loro schermi: da allora, ogni mattina abbiamo pubblicato un video, visibile sia sui social, sia sul nostro sito web. Nel contempo abbiamo aperto anche TikTok, postando video ironici sulle opere delle nostre collezioni che stanno riscuotendo molto successo. La macchina degli Uffizi non si è mai spenta, al contrario, è rimasta sempre ben accesa, anche, e soprattutto, nel momento più duro.

I musei contemporanei sono gallerie d’arte attrattive, centri di ricerca e promozione culturale, luoghi di educazione dei giovani.
Devono essere tutto questo.

Quale importante cambiamento avverrà nel museo a causa di questa pandemia e come riuscirà a rimanere attivo nonostante questa problematica situazione che sembra andrà avanti ancora per molto tempo?
Questa crisi epidemiologica è il momento giusto per ripensare musei e turismo. Le città d’arte non riescono a sostenere il turismo di massa superficiale così come lo abbiamo visto negli ultimi anni. Tutto il sistema va riconvertito allo slow tourism. È meglio tornare più volte a vedere le città d’arte, ogni volta in modo approfondito, con curiosità, amore e pazienza, piuttosto che di fretta e brevemente. Questo è stato invece, purtroppo, lo “stile” dei viaggi degli ultimi anni, con un turismo che seguiva i ritmi accelerati delle nostre esistenze e di cui le stesse città d’arte hanno approfittato, magari sentendosi, nel contempo, cannibalizzate. Il Covid-19 ha di colpo bloccato questo circolo vizioso. E adesso non possiamo e non vogliamo ripartire con la formula del “selfie e fuggi”, mezz’ora di corsa in museo, e poi via, verso un’altra destinazione di cui non ci ricorderemo e non ci rimarrà nulla se non qualche foto sul cellulare. Dobbiamo prolungare le permanenze, riscoprire la lentezza, “gustare” i capolavori e i monumenti. Come Uffizi ci impegneremo molto su questa battaglia per una nuova epoca slow. Anzi, siamo già al fronte.

Il lockdown ha portato molti musei a intraprendere una massiccia operazione di posizionamento sul fronte della comunicazione web. Gli Uffizi hanno offerto un esempio importante di questo approccio.
Innanzitutto occorre sottolineare l’elemento fondamentale: su questo fronte, la sfida nel futuro immediato sarà quella di riequilibrare e far interagire la sfera digitale e quella reale in maniera produttiva e interessante, congeniale alle condizioni particolari di entrambi questi mondi. Incredibilmente, ancora oggi molti vedono la comunicazione online solo come un’occasione per fare pubblicità a visite al museo, a concerti, eccetera. Ciò significa tralasciare il 99% del potenziale che il digitale offre. Alle Gallerie degli Uffizi, da anni stiamo cercando di fare il contrario: utilizzare gli efficacissimi strumenti di comunicazione che la Rete offre per invogliare alla visita “reale” un pubblico sempre più ampio, in tutto il mondo. E il sistema funziona: moltissime persone, dopo aver ammirato i capolavori che custodiamo sul nostro sito o sui nostri social, poi vogliono venire a goderseli, on site. Concretamente, come abbiamo sviluppato la nostra strategia di comunicazione digitale? In questi ultimi anni, ho attivato un dipartimento ad hoc, che prima agli Uffizi mancava. È stato creato un sito ufficiale (www.uffizi.it), dove offriamo una grande quantità e varietà di contenuti e informazioni, foto, video, mostre virtuali, persino una rivista scientifica di storia dell’arte. Siamo presenti su tutte le piattaforme social accessibili in Italia, e adesso stiamo entrando anche in quelle cinesi. Con i video che postiamo, in pochissimo tempo abbiamo già raccolto centinaia di migliaia di visualizzazioni di utenti da ogni angolo del globo, il che, per un museo, non è scontato. Ogni video e ogni post sono accolti con migliaia di like, tantissime condivisioni e commenti nei quali le persone ci ringraziano del “servizio d’arte a domicilio” che stiamo portando nel mondo. Detto questo, è evidente – e il test di questa crisi pandemica lo prova – che la presenza digitale del museo debba essere ulteriormente sviluppata. Sarà il motore principale della comunicazione del futuro; di fatto, lo è già in quella del presente.

Le Gallerie degli Uffizi (Uffizi, Palazzo Pitti, Boboli) sono stati visitati da più di quattro milioni di persone nel 2019. Pensate che dopo un ritorno alla normalità, si torneranno a vedere numeri simili in breve tempo?
4.391.895 persone, per l’esattezza. Per tornare a vedere questi numeri, occorrerà un po’ di tempo. La riapertura, non può che essere graduale: in questa fase, agli Uffizi possono entrare meno persone della capienza ordinaria e in tutti gli spazi delle Gallerie sono in vigore misure antiCovid per garantire il distanziamento tra i visitatori. Ma non c’è alcun dubbio che non appena la situazione potrà tornare alla normalità, avremo probabilmente il problema contrario: rispetto a prima molte più persone vorranno visitare le Gallerie.

Quanto importante è, ad oggi, il museo, inteso come istituzione culturale, nell’educazione artistica e, dunque, anche alla “bellezza” (come si usa e abusa dire oggi)? E in che modo le Gallerie degli Uffizi affrontano questa importante missione?
Sono funzioni importantissime e, peraltro, assai ben esercitate da tutti i musei internazionali all’avanguardia. Tuttavia, è almeno in parte difficile ancora oggi abbattere il diffuso pregiudizio secondo il quale i musei siano luoghi polverosi e lugubri, traboccanti di anticaglie da osservare in silenzio e possibilmente annoiandosi moltissimo. Niente di più sbagliato: i musei contemporanei sono, allo stesso tempo, gallerie d’arte attrattive, belle “da vivere”, centri di ricerca e promozione culturale, luoghi di educazione dei giovani. Devono essere tutto questo. Agli Uffizi prendiamo molto sul serio questa visione/missione. Limitando la nostra riflessione al solo 2019, abbiamo realizzato 29 volumi scientifici per 6.537 pagine, organizzato convegni e decine di conferenze pubbliche. La Biblioteca si è ingrandita con 2.624 nuovi libri. Abbiamo lavorato tantissimo con i ragazzi (siamo il primo museo italiano nel campo della didattica), svolgendo 95 tirocini, attività di alternanza scuola/lavoro per 3.002 studenti e visite per famiglie, bimbi, alunni e ragazzi per complessivamente oltre 13.000 partecipanti: una piccola città. Nell’ambito del settore della mediazione culturale e dell’accessibilità per i disabili sono state organizzate 222 iniziative alle quali hanno preso parte 1.732 persone.

Quali e quanti altri progetti vorrebbe realizzare, avendo a disposizione tempi lunghi e la possibilità di farlo?
Sono talmente tanti che non basterebbe un libro per elencarli tutti! Scherzi a parte, i principali progetti che stiamo portando avanti sono la riapertura al pubblico del Corridoio Vasariano, da anni chiuso, inoltre presto inaugureremo dodici nuove sale dedicate alla pittura del Cinquecento fiorentino e romano con capolavori di Daniele da Volterra, Pontormo, Allori, Parmigianino e tanti altri maestri. Quindi sarà la volta delle nuove sale dedicate alla vastissima collezione di autoritratti raccolta dai Medici e dai Lorena, una collezione che continua a crescere anche oggi, visto che accogliamo quelli donati al museo dai principali artisti contemporanei. E poi molto, molto altro ancora.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.