In this issue Florence is… July- August 2016

0

by Anna Balzani – Editor-in-chief
Twitter: @AnnaBalzani

Se durante i caldi mesi estivi trascorrerete buona parte del vostro tempo in città, non mancheranno le occasioni per arricchire le vostre giornate all’insegna della grande arte e del tempo libero. Ecco qualche dritta. Iniziamo dall’alto, dal Forte Belvedere, da dove godrete di una veduta su Firenze da togliere il fiato, ma non solo, perché fino al 2 ottobre potrete ammirare i grandi guardiani in bronzo di Jan Fabre, artista fiammingo tra più innovativi del panorama contemporaneo. Una fortificazione, quella del Forte Belvedere che nel tempo è servita per difendere Firenze dalle minacce dei nemici esterni ma anche per proteggere la famiglia dei Medici durante le rivolte cittadine. Dai bastioni dell’antica fortezza medicea, “Spiritual Guards”, che prosegue a Palazzo Vecchio e Piazza della Signoria, vi conquisterà.

_MG_2806
Andrea Ristori photographer

Per chi d’estate pensa immancabilmente al binomio “estate – spiaggie”, non rimarrà deluso neppure in città dove una vera sorpresa è quella che vi riserverà Easy Living, lo spazio estivo tra piazza Poggi e Lungarno Serristori, dove per tutta la stagione sarà possibile noleggiare gratuitamente sdraio e ombrelloni, fermarsi per cena, per un aperitivo o per uno spuntino a base di frutta fresca (info su www.easylivingfirenze.it).
Se stavate pensando und una gita “fuori porta” vi raccontiamo uno dei mille gioielli della campagna toscana, la chiesa di S. Martino a Mensola, nel territorio di Fiesole, proprio a due passi da Firenze, il cui aspetto rinascimentale prelude ad un autentico scrigno di tesori con una storia antichissima (pag.18). Tra gli articoli che arricchiscono il numero estivo di Florence is You vi segnalo quello dedicato ad un vero tesoro nascosto di Firenze, ovvero il Laboratorio Costumi e Scene del Teatro della Pergola (pag.24) attraverso un’intervista realizzata ad Elena Bianchini, responsabile del Laboratorio, e sempre restando in tema di teatro, l’intervista realizzata a Stefania Sandrelli (pag.25), autentica icona del nostro cinema.

www.easylivingfirenze.it
www.easylivingfirenze.it

English

If you will spend most of your time in the city during the hot months of summer, you will have numerous opportunities to enrich the passing of your days dedicating your time to great art and relaxation. Here are some suggestions. Let’s start from the top, from Forte Belvedere, where you can enjoy a breathtaking panoramic view over Florence, but not only, because until October 2nd you can admire the great bronze guardians by Jan Fabre, Flemish artist among the most innovative from the contemporary scene. Forte Belvedere is a fort that over time has served to defend Florence from the menaces of its external enemies, but also to protect the Medici family during the city’s riots. You will be charmed starting from the battlements of the ancient Medici fortress, “Spiritual Guards” that continues to Palazzo Vecchio and Piazza della Signoria.
For those of you who inevitably think about “summer – beaches”, you won’t be disappointed in the city where a real surprise is reserved by Easy Living, a summer space between piazza Poggi and Lungarno Serristori, where throughout the season will be possible to rent free umbrellas and beach chairs, have dinner, an aperitivo or a snack consisting in fresh fruit (info on www.easylivingfirenze.it).

Andrea Ristori photographer
Andrea Ristori photographer

If you were thinking about a trip “out of town” we will tell you the story of one of the thousand jewels of the Tuscan countryside, the church of S. Martino a Mensola, found on the territory of Fiesole, two steps away from Florence, where the Renaissance appearance foreshadows an authentic treasure chest with an ancient story (page 18).
Among the articles that enrich this summer issue of Florence Is You! I would like to point out one dedicates to a true hidden treasure of Florence, specifically the Laboratorio Costumi e Scene del Teatro della Pergola (page 24) seen through an interview with Elena Bianchini, head of the Laboratorio and staying on the subject of theater the interview with Stefania Sandrelli (page 25), true icon of the Italian cinema.

www.easylivingfirenze.it
www.easylivingfirenze.it
Previous articleA ODEON FIRENZE“JOUR DE FÊTE”
Next articleHerbert Percy Horne and the dream of Renaissance in Florence
Editor-in-chief

Da bambina sognavo di fare la giornalista e studiare fisica quantistica, poi mi sono laureata in Sociologia, soffermandomi sulle differenti tipologie di leadership attraverso le illuminanti opere di William Shakespeare. Qualche idea, però, deve essere stata ben chiara sin da allora perché la giornalista è ciò che faccio e amo fare da adulta. In qualità di Direttore artistico sono stata la prima donna ad aver diretto il Tepidarium del Roster al Giardino dell’Orticoltura di Firenze, la più grande serra in stile Liberty esistente in Italia e la più piccola d’Europa, costruita nel 1859 dall’Accademia dei Georgofili. Collaboro con gallerie e accademie d’arte, scuole, associazioni, musei, università e fondazioni, prevalentemente in Italia, Cina, Stati Uniti e Russia. Nel 2011 sono tra i fondatori dell’Associazione Acontemporaryart di cui sono Presidente; curo e organizzo esposizioni di artisti italiani e stranieri a Firenze, Roma, Venezia, Parigi, etc... Dal 2013 sono Direttore responsabile del giornale Florence is You, 20.000 copie cartacee ogni bimestre, aggiornamenti quotidiani online (www.florenceisyou.com), impostazione bilingue italiano-inglese e partners istituzionali da tutto il mondo. Nell’ottobre 2017 sono stata eletta Accademica d’Onore all’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze, fondata nel 1563 da Giorgio Vasari e di cui Michelangelo fu primo Accademico. Volevo una macchina da scrivere americana, non una a caso, ma la Underwood, che è poi stata un regalo, decisamente degno di nota, di un fidanzato che per questo autentico merito è ora più di un fratello. Il motto preferito? Il latino “Per aspera ad astra”, ma anche il mediceo “Festina lente” come soleva dire Lorenzo il Magnifico. Anche Seneca ha dato alla mia vita il suo prezioso contributo: “Ignoranti quem portum petat nullus suus ventus est” (Lettere a Lucilio) ovvero “Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa a quale porto vuol approdare”. Più di un mantra, per me. Nella sostanza l’importante è avere le idee chiare e sapere cosa si vuole, da lì è tutto in discesa o, perlomeno, avremo compiuto il primo passo. Ho da sempre una passione per l’arte, pittura, scultura e fotografia espresse anche attraverso linguaggi molto diversificati, dal figurativismo di appannaggio propriamente tradizionale fino ad un lessico più astratto, a ricerche maggiormente concettuali. Scrivo di cultura, arte, cinema e viaggi, nell’ambito luxury travel e turismo enogastronomico. Sono appassionata di musica classica e jazz, con molteplici digressioni sul tema. Mi stanno molto a cuore le tematiche relative all’infanzia e all’educazione delle bambine. Amo i viaggi, anche quelli che non ho ancora fatto, la cioccolata fondente e la mia strepitosa torta di mele, ma, se devo essere sincera fino in fondo (ed ecco la nota del fashion editor che è in me), non posso vivere senza le scarpe di Manolo Blahnik, colui che più di ogni altro ha saputo amabilmente coniugare colore, seta e tacco 12.

EN

Growing up I always dreamt of becoming a journalist or studying quantum physics. I ended up graduating in Sociology and focused on the different kinds of leaderships through the enlightening works of William Shakespeare. However, I must have already had some level of clarity, as being a journalist is what I do and what I love doing. As artistic director, I have been the first woman to direct the Tepidarium del Roster at the Giardino dell’Orticoltura in Florence, the largest Liberty-style greenhouse in Italy and the smallest in Europe, built in 1859 by the Accademia dei Georgofili. I collaborate with art galleries and academies, schools, associations, museums, universities and foundations, mainly in Italy, China, the United States and Russia. In 2011, I was among the founders of the Acontemporaryart Association, of which I am now President; I curate and organize art shows by both Italian and foreign artists in Florence, Rome, Venice, Paris, etc. Since 2013, I am the editor-in-chief of the newspaper Florence is You, a bimonthly bilingual publication (Italian – English) with institutional partners from all over the world that counts 20.000 paper copiesper issue, as well as daily updates online (www.florenceisyou.com). In October 2017 I was elected Academic Honouree at the Academy of the Arts of Drawing in Florence, founded in 1563 by Giorgio Vasari, and of which Michelangelo was the first Academic. I always wanted an American typewriter, but not any ordinary one, I wanted an Underwood, which I received as a gift, greatly appreciated, from a former boyfriend, who is now more than a brother to me. My favourite motto? The Latin expression “per aspera ad astra,” but also the Medicean “Festina lente,” as said by Lorenzo the Magnificent. Seneca also gave his precious contribution to my life with his: “Ignoranti quem portum petat nullus suus ventus est” (Letters to Lucilius) or “If one does not know to which port one is sailing, no wind is favourable.” This is more than a mantra to me. Fundamentally, I believe that it’s important to have a clear mind as to what you want, then the rest is all downhill, or anyways it’s a first step. I’ve always had a passion for art, painting, sculpture and photography, expressed even through very different languages, from more traditional and figurative art to more abstract lexicons, or even conceptual researches. I write about culture, art, cinema and travel, in the fields of luxury travel and food and wine tourism. I’m passionate about classical and jazz music, with multiple digressions on the subject... Very close to my heart are issues relating to childhood and the education of little girls. I love to travel – even those trips I have yet to take – dark chocolate and my fabulous apple pie, although, if I must be entirely true (and here is the fashion editor in me), I cannot live without the shoes by Manolo Blahnik, he who more than anyone else has been able to amiably combine colour, silk and 12-inch heels.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.