Sebbene Siena sia molto conosciuta per la bellezza della sua citta e per il Palio, per gli stranieri è difficile capire il vero significato che si cela dietro il Palio e la contagiosa frenesia che questo evento suscita nel cuore di tutti i senesi, ogni giorno dell’anno. Le due competizioni annuali si svolgono durante l’estate: il 2 luglio e il 16 agosto. In totale sono 17 le contrade, sebbene in ciascun Palio partecipano solo 10. La competizione ha origine nel Medioevo ma solo nel 1729 Beatrice Violante di Baviera, Principessa di Toscana, ha definito accuratamente i confini delle 17 contrade e le regole del Palio moderno, valide ancora oggi. La competizione stessa rappresenta la sublimazione di una forte rivalità tra le contrade che si esprime in un’affascinate corsa dei cavalli in Piazza del Campo. Nel Palio non solo è importante vincere, ma anche agire in modo da ostacolare la vittoria della contrada rivale. I senesi seguono costumi e usanze antiche durante il Palio, il tutto rafforzato da un profondo senso di comunità.

Foto di Gianfranco Gori

Per l’intera comunità senese che partecipa al necessario e lungo lavoro di preparazione del Palio, la concentrazione e il forte senso di comunità sono presenti nel corso di tutto l’anno: nella contrada nessuno è abbandonato, la solidarietà tra contradaioli è insita nel loro stile di vita. I senesi coltivano questo sentimento di fedeltà verso la contrada sin dal momento della loro nascita, infatti ogni bambino viene benedetto da due battesimi: uno è quello religioso, l’altro è la benedizione data dal Priore della contrada. In quest’occasione al bambino viene affidato un caratteristico fazzoletto con i colori della contrada di appartenenza, un fazzoletto che rimarrà con il battezzato per il resto della sua vita: “tu puoi cambiare marito o moglie ma non puoi cambiare la contrada” dicono spesso i senesi. Durante il Palio di agosto 2022 ha vinto la contrada del Leocorno con il fantino sardo Giovanni Atzeni (soprannominato Tittia ); Atzeni ha vinto gli ultimi quattro Pali e quello di agosto è stato il nono della sua carriera durante la quale ha partecipato alla corsa correndo per contrade diverse.

Foto di Gianfranco Gori

EN

Discovering Siena and its traditions

Although Siena is very famous for its timeless beauty and for the Palio, foreigners still find it hard to fully grasp the significance that lies behind this folklore custom and the contagious frenzy that this event evokes in the hearts of all true Sienese people, every day of the year. The two annual competitions take place during summer: on July 2nd and on August 16th. A total of 17 quarters competes, although only 10 take part in each Palio. The competition originates from the Middle Ages, but it is only in 1729 that Beatrix Violante di Baveria, Princess of Tuscany, accurately defined the borders of the 17 quarters and the rules of the modern Palio, which still stand today. The competition represents the sublimation of a strong rivalry between quarters and is expressed through a fascinating horserace in Piazza del Campo. In the Palio, not only is victory important, but it is also crucial to behave in a way that impedes the victory of the rival quarter. During the Palio, the Sienese follow ancient costumes and customs – all reinforced by a deep sense of community. For all the Sienese people who takes part in the long preparation work for the Palio, concentration and a strong sense of belonging are present during the entire year: in the quarter, nobody is abandoned, the solidarity between quarter people is intrinsic of their lifestyle. The Sienese cultivate this feeling of loyalty towards the quarter ever since they are born. In fact, every child is blessed with two separate baptisms: one is the religious one, and the other is the blessing given by the Prior of the quarter. In the latter occasion, each child receives a characteristic cloth with the colours of their quarter – the tissue that will stay with the baptised for the rest of their life. “You can change husband or wife, but you can’t change the quarter”, say the Sienese. During the Palio of last August, the winning quarter was that of the Leocorno, with the Sardinian jockey Giovanni Atzeni (nicknamed Tittia). Atzeni won the last four Palios, and the one in august was the ninth of his career, in which he took part and wandered off running across different quarters.