Quella di Rocco Verì, abruzzese originario di San Vito Chietino, è una laurea da record. A 92 anni, compiuti l’8 giugno, ha conseguito la laurea magistrale in Scienze e tecnologie alimentari, entrando di fatto nella storia dell’Università degli Studi di Firenze. Nessuno, all’Ateneo fiorentino, aveva mai raggiunto un traguardo alla stessa età. È il quinto titolo accademico conseguito in una vita sempre alla ricerca della conoscenza. Una laurea dedicata alla moglie che non c’è più. Dopo la morte della compagna di una vita, al suo fianco per 60 anni, ammette lui stesso che è stato lo studio a salvarlo dalla tristezza: “Sei anni fa è mancata mia moglie. Non riuscivo a darmi pace, non ero sereno, poi ho pensato all’Università. Mi sono iscritto senza perdere mai una lezione e questa scelta mi ha ridato equilibrio e permesso di allontanare cattivi pensieri. Ed è stata la mia salvezza. Ho trovato dei giovani meravigliosi, educati e rispettosi. Ho sempre studiato, non ho mai smesso in tutta la mia vita, perché sono stato sempre curioso. Se questa mia storia potrà servire da stimolo a qualcuno, sarò felice”. Un percorso straordinario dove ha trionfato l’amore per la conoscenza.

That of Rocco Verì, a native of San Vito Chietino, in Abruzzo, is the story of a record-breaking university degree. At 92-years-old, celebrated last June 8, he achieved a post-graduate diploma in Food Sciences and Technology, thus entering in the history books of the University of Florence. In the Florentine Athenaeum, no one before had ever reached such a result at that age. It’s the fifth academic title acquired in a life dedicated to the pursuit of knowledge. A degree dedicated to his wife, who has passed. After the death of the partner of a lifetime, beside him for 60 years, he admitted that studying saved him from sadness: “Six years ago, my wife went missing. I was unable to find peace of mind, I was not at ease, then I thought of going to university again. I signed up without ever missing a class, and this choice gave me back balance and allowed me to steer away from dark thoughts. It was my salvation. I met some amazing young people, who were always educated and respectful. I always studied, I never stopped in my entire life, driven by constant curiosity. If my story can help inspire others, that would make me happy.” An extraordinary journey, which saw the triumph of the thirst for knowledge.