Nel novembre 2022 il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ha annunciato la scoperta di oltre venti statue in bronzo nella vasca sacra del santuario etrusco e romano del Bagno Grande, a San Casciano dei Bagni. “Uno dei ritrovamenti di bronzi più significativi mai fatti nella storia del Mediterraneo antico”, lo definì Massimo Osanna, Direttore generale musei del Ministero della Cultura. Il percorso che ha condotto a questo straordinario annuncio che ha fatto il giro del mondo è stato lungo, intrapreso nel 2018 dal Comune di San Casciano dei Bagni, che ha chiesto e ottenuto dalla Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio una concessione per scavare nei pressi delle meravigliose vasche termali, in località Montesanto. La collaborazione tra il Comune di San Casciano dei Bagni e la Soprintendenza di Siena si è da subito aperta a università italiane e internazionali, con il coordinamento dell’Università per Stranieri di Siena. Dal 2019, ogni anno, oltre sessanta studenti e studentesse provenienti da undici università nazionali e internazionali (Italia, USA, Cipro, Irlanda e Belgio) scavano sotto il sole della lunga estate toscana all’interno della vasca sacra con acqua termale la cui temperatura supera i 40 gradi centigradi. Tra 2021 e 2022 è emerso dal fango caldo il tesoro di un deposito votivo con centinaia di offerte in bronzo (statue, piccole statuette e migliaia di monete). Emanuele Mariotti dirige lo scavo sul campo, la tutela è diretta da Ada Salvi mentre Jacopo Tabolli, docente dell’Università per Stranieri di Siena, è il coordinatore scientifico di tutto il progetto, nel quale sono impegnati oltre sessanta studiosi internazionali. Dall’incontro tra Jacopo Tabolli e Simonetta Brandolini d’Adda, presidente di Friends of Florence, è nato un progetto di sostegno alla ricerca unico nel suo genere. Nel 2022, ben prima della scoperta delle grandi statue, i donors della Fondazione Friends of Florence hanno finanziato un assegno di ricerca presso l’Università per Stranieri di Siena, sostenendo integralmente le ricerche post-dottorali di Mattia Bischeri. A marzo 2023, inoltre, è stato siglato un accordo tra Friends of Florence e il Soprintendente Arch. Gabriele Nannetti, per un finanziamento di 70.000 euro destinato a restaurare 34 capolavori in bronzo dalla vasca sacra di San Casciano dei Bagni, nascosti per oltre 2300 anni dal fango e dall’acqua bollente. Si tratta di un contributo fondamentale anche in vista dell’esposizione dei bronzi di San Casciano dei Bagni alle Scuderie del Quirinale, a Roma, a fine giugno 2023.

 

The Sanctuary of Bagno Grande in San Casciano dei Bagni

In November 2022, the Minister of Culture, Gennaro Sangiuliano, announced the discovery of over twenty bronze statues from the sacred bath in the Etruscan and Roman sanctuary of Bagno Grande, in San Casciano dei Bagni. “One of the most significant bronze work findings ever made in the history of the ancient Mediterranean,” as defined by Massimo Osanna, General Director of museums of the Ministry of Culture. It was a long journey that led to this extraordinary discovery that travelled around the world. It started in 2018 by request of the City of San Casciano dei Bagni, which obtained from the General Direction of Archaeology, Fine Arts and Landscapes the concession to dig in the premises of the marvellous thermal baths, near Montesanto. The collaboration between the City of San Casciano dei Bagni and the Superintendent of Siena instantly opened its doors to Italian and international universities, under the coordination of the University for Foreigners of Siena. Since 2019, every year, over sixty students from eleven national and international universities (Italy, USA, Cyprus, Ireland, and Belgium) have been digging in the sacred baths under the heat of the long Italian summers, with thermal waters of over 40º centigrade. Between 2021 and 2022, a votive deposit emerged from the warm muck, containing hundreds of offers in bronze (statues, small sculptures, and thousands of coins). Emanuele Mariotti directs the dig site in the field, the supervision is directed by Ada Salvi, and Jacopo Tabolli, professor at the University for Foreigners in Siena, is the scientific coordinator of the entire project, which employs over sixty international scholars. The meeting between Jacopo Tabolli and Simonetta Brandolini d’Adda, president of Friends of Florence, gave birth to a one-of-a-kind research support program. In 2022, well before the discovery of the great statues, the donors of the Friends of Florence Foundation financed a research grant for the University for Foreigners of Siena, fully supporting the post-doctoral research of Mattia Bischeri. Moreover, in March 2023, an agreement was signed between Friends of Florence and the Superintendent, architect Gabriele Nannetti, for the financing of 70,000 euro destined to the restoration of 34 bronze masterpieces from the sacred baths of San Casciano dei Bagni, which have been hidden below the boiling mud for over 2,300 years. It’s a fundamental contribution, also considering that the bronzes of San Casciano dei Bagni will be exhibited at the Scuderie del Quirinale in Rome, at the end of June 2023.