Una cucina contemporanea punteggiata di richiami ai piatti della tradizione siciliana e un intero menù che può essere proposto in versione “gluten free” per andare incontro alle esigenze di tutti. È l’ambiziosa proposta della chef Marcella Schillaci, originaria di Taormina e toscana d’adozione, anima del “Bistrot Lo Zero” a Montespertoli (Fi). Sulle colline tra la Val di Pesa e la Val d’Elsa, ai confini dell’area metropolitana fiorentina, non era scontato imbattersi in un ristorante di fine dining con una spiccata predisposizione ai piatti di mare, in un territorio fortemente vocato alla carne. Da qualche anno la chef ha lasciato il suo locale di Taormina per il ristorante “Bistrot Lo Zero” del quale si prende cura insieme al compagno, Marco. Lei ai fornelli e lui in sala a occuparsi dei vini in abbinamento ai piatti, selezionando piccoli produttori italiani, siciliani, argentini… Un’alchimia fatta di ricercatezza, eleganza, rispetto e valorizzazione delle materie prime, che in pochi anni ha saputo imporsi all’attenzione degli appassionati, ben oltre i confini locali. La solidità tecnica che ha acquisito nel tempo le consente di declinare tutti i piatti del menù in versione gluten free, senza che ne risultino penalizzate complessità e sapore; è davvero difficile distinguere le due versioni! Oltre a pane, schiacciate e dolci gluten free, anche la frittura di mare è realizzata con farina di riso anziché quella convenzionale. Gli echi della tradizione siciliana sono evidenti in evergreen come la sorprendente Pasta alla Norma, nei deliziosi Tagliolini con crema e granella di pistacchio di Bronte e tartare di gambero rosso di Sicilia, o in qualche fuori menù di stagione.

Marcella Schillaci and her “Bistrot Lo Zero”

A contemporary cuisine riddled with nuances of dishes reminiscent of Sicilian tradition and an entire menu that can be featured as “gluten free”, satisfying the needs of all diners. This is the ambitious project of chef Marcella Schillaci, born in Taormina, Sicily, but Tuscan by adoption, and soul of “Bistrot Lo Zero” in Montespertoli (FI). On the hills between Val di Pesa and Val d’Elsa, on the confine of the Metropolitan City of Florence, it was unexpected to find a fine dining restaurant with such flair for seafood dishes, in a territory markedly known for its meat. A few years ago, the chef left her restaurant in Taormina to open “Bistrot Lo Zero”, which she runs together with her partner, Marco. She takes care of the kitchen, while he manages the front of house and studies the wine pairings for the dishes, selecting small Italian, Sicilian, and Argentinian producers… An alchemy made of research, elegance, respect, and valuation of the ingredients, which, in a short time, has conquered the palates of food enthusiasts, well beyond the local territory. The solid technique that she acquired in time allows her to decline every dish of the menu in a gluten free version, without penalizing the complexity and flavors of the original recipe; it’s tough to spot the differences between the two! Besides bread, focaccia, and gluten free desserts, even the batter of the fried seafood is made with rice flour instead of conventional flour. The echoes of Sicilian tradition are clear in evergreen plates such as the surprising Pasta alla Norma, in the delicious Tagliolini with cream and crumble of pistachio from Bronte and Sicilian pink shrimp tartare, or even in some more eccentric seasonal recipes.
www.ristorantebistrotlozero.it