Al primo piano della Galleria degli Uffizi, le due sale affrescate da Luigi Ademollo accolgono, fino al 28 aprile 2024, gli Autoritratti su carta di grandi artisti del Cinquecento e del Seicento, tra cui spiccano Fra Bartolomeo, Pontormo, Luca Giordano, Hans Holbein il Giovane, e tanti altri maestri; opere che, per ragioni di conservazione, vengono raramente esposte al pubblico. Le opere su carta, infatti, per la loro intrinseca fragilità e la vulnerabilità rispetto alla luce, possono essere accolti solo in ambienti e condizioni particolari e per non più di tre mesi ogni cinque anni. Le 41 opere, eccezionalmente esposte, sono state selezionate da Luisa Berretti, Laura Donati e Donatella Fratini, curatrici della mostra, e provengono dal Gabinetto dei Disegni e delle Stampe degli Uffizi, una delle più importanti raccolte di grafica al mondo per valore artistico e per quantità delle opere conservate (circa 180.000 fogli).

Rembrandt Harmenszoon van Rijn, Autoritratto con berretto e occhi spalancati, 1630, acquaforte e puntasecca

Il primo nucleo collezionistico sistematicamente ordinato fu costituito dal cardinale Leopoldo de’ Medici, a partire dalla metà del XVII secolo, ma alcuni disegni erano già entrati nelle raccolte medicee nel corso del Cinquecento, grazie a Cosimo I, primo Granduca di Toscana; la collezione è tuttora in accrescimento grazie ad acquisti e donazioni di opere antiche e contemporanee. La prossima tappa nell’esposizione degli Autoritratti su carta nelle Sale Ademollo vedrà protagonisti, a inizio maggio, gli artisti del Settecento e dell’Ottocento.Si tratta, tra l’altro, delle prime mostre totalmente “autoprodotte” e allestite in Galleria direttamente dal personale del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe, come espressione dell’attività curatoriale e conservativa svolta quotidianamente, dietro le quinte, da questo storico e prestigioso istituto degli Uffizi. La raccolta completa degli Autoritratti su carta sarà illustrata in un catalogo edito da Giunti.

Jacopo da Pontormo, Autoritratto, 1519-20 circa, pietra rossa, tracce di pietra nera, carta

ON DISPLAY AT THE UFFIZI: SELF-PORTRAITS ON PAPER BY MAESTROS OF THE 16TH AND 17TH CENTURIES

On the first floor of the Uffizi Galleries, until April 28, 2024, the two rooms frescoed by Luigi Ademollo will host the exhibit Self-portraits on paper featuring the works by maestros of the 16th and 17th centuries, including Fra Bartolomeo, Pontormo, Luca Giordano, Hans Holbein the Young, as well as other standout artists. A collection of masterpieces that, for preservation reasons, are rarely exhibited to the public. In fact, due to their inherent frailty and to their vulnerability to light, these works on paper can only be exhibited in special conditions and specific locations, for no more than three months every five years. The 41 artworks, exceptionally on display, have been selected by Luisa Berretti, Laura Donati, and Donatella Fratini, the exhibit’s curators, and come from the Uffizi’s Department of Prints and Drawings, one of the most important collections of images in the world for its artistic value and for the quantity of artworks it keeps (around 180,000 sheets of paper). The first systematically organised collector’s centre was created by Cardinal Leopoldo de’ Medici, starting in the mid-17th century, although some drawings had entered the Medici collections already in the 16th century thanks to Cosimo I, first Grand Duke of Tuscany. The collection is still growing, thanks to purchases and donations of both old and contemporary works. The next stage of the exhibition of Self-portraits on paper in the Sale Ademollo, scheduled for the beginning of May, will feature artists from the 18th and 19th centuries. To be noted is that these are the first exhibitions to be produced and set up in the Gallery directly by the staff of the Department of Prints and Drawings; an expression of the daily curatorial and conservative activity, carried out behind the scenes by this historic and prestigious institute of the Uffizi. The complete collection of Self-portraits on paper will be illustrated in a catalogue published by Giunti.